L’On. Mario Alloro (Pd) sul polo universitario decentrato di Caltanissetta

 L’On. Mario Alloro interviene nella polemica che ha visto una dura presa di posizione del Partito Democratico di Caltanissetta nei confronti dell’iniziativa portata avanti a Enna dall’Università pubblica romena di Galati, la “Dunarea de Jos”, nella città di Enna, con l’apertura di un’estensione in aula remota della Facoltà di Medicina e delle Professioni sanitarie.

“Vorrei evidenziare agli alquanto distratti amici del PD nisseno – spiega l’On. Alloro – le gravi difficoltà che gli studenti della Scuola di Medicina e Chirurgia “Hypatia”, dipendente dall’Università di Palermo ed ospitata all’interno della struttura del CEFPAS di Caltanissetta, sono costretti ad affrontare, a cominciare dai disagi vissuti proprio all’interno del CEFPAS, dove, secondo quanto denunciato dagli studenti stessi, le cucine sono spesso chiuse e quindi la mensa non fruibile, mentre la biblioteca non è stata mai aperta”.

“Ma l’elenco delle lamentele degli studenti non si ferma qui – prosegue Alloro – comprendendo la totale assenza del collegamento alla rete Internet presso i dormitori, la mancanza delle palestre del Campus, che versano ancora in una situazione di totale abbandono, privandoli della possibilità di poter svolgere qualsiasi attività sportiva al suo interno. Non risultano essere operativi i laboratori, che risultano essere inaccessibili”.

“A tutto ciò si aggiunge l’assenza dell’ERSU a Caltanissetta, la cui assenza causa un costo elevato dell’unica mensa ammessa al CEFPAS per gli studenti, senza dimenticare poi le difficoltà che si devono affrontare per raggiungere il CEFPAS. Ma ciò che appare veramente inconcepibile – spiega l’On. Alloro – è rappresentato dal non corretto svolgimento dell’orario delle lezioni e dal conseguente mancato rispetto dei calendari didattici a causa della viabilità carente nel collegamento tra Palermo e Caltanissetta. E ancora, l’impossibilità di svolgere colloqui con il corpo docente, che ricevono esclusivamente presso i loro uffici a Palermo. Senza contare il fatto che, in alcuni casi, gli studenti debbano recarsi, a proprie spese, presso le sedi di Palermo anche per sostenere gli esami di profitto”.

 “Insomma – conclude Alloro – appare evidente che il Polo di Caltanissetta non è certamente all’altezza della qualità formativa che questi studenti si meritano. Di questo dovrebbe occuparsi il PD di Caltanissetta, anziché discettare su argomenti che, evidentemente, non conosce. Stessa attenzione che deve essere richiesta al direttore del Cefpas, Angelo Lomaglio o al Rettore dell’Università di Palermo, dove, ad esempio, gli studenti di medicina sono costretti a superare mille peripezie per seguire le lezioni. Per quanto mi riguarda presenterò un apposito atto ispettivo al fine di comprendere come si possa garantire agli studenti del Polo universitario decentrato di Caltanissetta il loro diritto allo studio”.

Visite: 365

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI