Libri; LietoColle pubblica il nuovo libro di Alessandro Assiri

Questo che qui presentiamo è un libro di genere particolare. E non solo perché ha il privilegio di accogliere l’anima di un tempo che non sa rassegnarsi al Silenzio in cui è stato relegato. Ci riferiamo chiaramente a Lettera a D. di Alessandro Assiri (LietoColle, 2016).

Potrebbe sicuramente essere un libro da comodino, sempre a portata di mano di quel lettore che ama risvegliarsi alla luce della Parola.

la destinazione ambigua del tuo vocabolario/ immettevi sempre frasi come fossero comparse di filmetti/ recitavi per tuo compiacimento una gamma smisurata di personaggi inesistenti/ li facevi durare il tempo breve delle sorprese e poi li sopprimevi/ di qualche morte ignobile come cavalieri senza gloria/ davi risalto a segreti risaputi/ difendevi cause perdute da tempo per l’ostinazione di /evocare col colore le tue risposte insicure./ Potevo leggerti in trasparenza/ ombre rigorose che rintracciavo nella violenza dei tuoi gesti/ gocciolanti di astratto /la pittura è selvaggia mi dicevi ma io credevo soltanto che fossero/ figure della nostra rinuncia che tornava alla luce.” (A D. Che danza a piedi scalzi)

C’è di mezzo, dunque, il tempo, c’è di mezzo il ricordo, c’è di mezzo un mondo che ci lasciamo alle spalle. C’è di mezzo l’inquietudine che spesso allontana dal mondo dei vivi mentre ci si convince che “fidarsi degli uomini è già farsi uccidere un po’.”

Visite: 462

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI