Le spiagge siciliane più belle per le vacanze estate 2018

Tra le tante mete che meritano di essere prese in considerazione per le vacanze estate 2018, la Sicilia può vantare un fascino unico e straordinario: le spiagge da vedere sono così tante che si rischia di rimanere disorientati di fronte a una possibilità di scelta tanto variegata, ed è per questo motivo che può essere utile un elenco dei litorali da non perdere. A cominciare, per esempio, dall’Oasi di Vendicari, in provincia di Siracusa, tra Marzamemi e Noto: si tratta di una riserva naturale che permette di dedicarsi al bird watching nella più completa tranquillità, con paesaggi sabbiosi che si alternano a scenari rocciosi; ma non mancano nemmeno le tipiche saline e la vegetazione della macchia mediterranea.

La spiaggia di Scopello

Un’altra delle spiagge siciliane consigliate per le vacanze estate 2018 è quella di Scopello, nel Trapanese, che offre ai turisti un mare dal colore blu così intenso che sembra essere stato dipinto a tempera. La natura propone fondali rocciosi e profondi, ideali per i sub, mentre il litorale è incorniciato da faraglioni giganti che creano un paesaggio da cartolina. Decisamente più nota è la spiaggia di Punta Secca, a Ragusa, se non altro perché è stata scelta come location delle riprese de “Il commissario Montalbano”, fiction che ha sbancato gli ascolti televisivi degli ultimi 20 anni. La spiaggia si trova nella frazione di Santa Croce Camerina, nei pressi di un faro che raggiunge i 35 metri di altezza, costruito intorno alla metà del XIX secolo, e un borgo marinaro tanto piccolo quanto intrigante.

Cefalù e Capo Passero

I turisti che amano la Sicilia in vista delle vacanze estate 2018 possono valutare anche l’ipotesi di andare a Cefalù, che per altro è frequentata già a partire dal mese di marzo e fino ad autunno inoltrato. Nel bel mezzo della costa siciliana settentrionale, la spiaggia di Cefalù è consigliata in particolare alle famiglie con bambini, in virtù dei fondali poco profondi che non creano rischi ai più piccoli. Si può scegliere tra la spiaggia libera e i lidi attrezzati, con tanto di ristoranti e bar: in tutto si tratta di circa un chilometro e mezzo di costa, ma nei mesi di luglio e agosto non ci si può aspettare di trovare poca gente. Ecco perché in alta stagione è bene essere mattinieri se si vuol essere certi di conquistare un posto al sole.

Nell’arcipelago delle Egadi c’è, invece, l’isola di Levanzo, di fronte a Trapani: la sua spiaggia è quasi magica, anche perché l’isola conta davvero pochi abitanti. Proprio per questo motivo lo scenario è quasi incontaminato, con la maggior parte delle strade non asfaltate e una bellezza naturale unica nel suo genere. Cala Minnola è la spiaggia più selvaggia di tutte, un punto di riferimento per i sub ma anche per chi non vede l’ora di ammirare da vicino i resti di un relitto romano.

A San Vito Lo Capo c’è, infine, la riserva naturale dello Zingaro, che si estende in corrispondenza del fianco orientale della penisola di Capo San Vito sul Tirreno, nella parte ovest del Golfo di Castellammare, tra la città di Trapani e il centro abitato di Castellammare del Golfo. Noto anche con il nome di Cala della Disa, questo tratto di costa è abbastanza semplice da raggiungere: in teoria un vantaggio, ma anche un difetto, perché vuol dire che è sempre piuttosto affollato. Per fortuna le acque del mare rimangono pulite.

Visite: 167

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI