L’Assessore Regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici in visita in provincia di Enna

Enna 12/03/2016 – E’ stato un ampio giro, ricco di incontri e, soprattutto, di confronti quello che ha visto impegnato lo scorso venerdi 11 marzo l’Assessore Regionale all’Agricoltura, il democratico On. Antonello Cracolici, accompagnato dal parlamentare ennese on. Mario Alloro.

La serie di incontri è cominciata a Pietraperzia dove l’esponente del Governo Regionale ha incontrato una delegazione dei lavoratori del Consorzio di Bonifica n. 6 di Enna unitamente alle rappresentanze sindacali di categoria di CGIL, CISL e UIL, ovvero Scornavacche, Bubbo e Savarino. “Abbiamo rappresentato l’impegno del Governo – spiega l’On. Alloro – che ha portato il finanziamento alla bonifica siciliana a circa trentotto milioni di euro ma, soprattutto, la volontà dell’esecutivo di giungere al varo della legge di riforma del comparto entro i prossimi tre mesi. Una riforma che dovrà mettere in condizioni i Consorzi di Bonifica di riaprire senza il gravoso peso della massa debitoria e, soprattutto, con nuove e più compiute competenze, soprattutto in tema di dissesto idrogeologico e di interventi a sostegno della sicurezza dei territori, sfruttando al meglio le tante professionalità e la manodopera presente nei Consorzi stessi”. A margine dell’incontro è stato, altresì, affrontata la tematica relativa ai forestali che vede, al momento, la decisione di bloccare, per un periodo di tre mesi, il turn over dei lavoratori stagionali in attesa di un provvedimento normativo in tale ambito.

La giornata dell’Assessore Cracolici è poi proseguita a Barrafranca dove, insieme agli operatori del settore, è stato affrontato lo spinoso argomento dell’avvio della stagione irrigua della Diga Olivo. Anche in questo caso il componente dell’esecutivo regionale ha confermato l’impegno del Governo affinché il Consorzio di Bonifica possa avviare quanto prima la stagione irrigua, assicurando un finanziamento pari a duecentocinquantamila euro per interventi di manutenzione straordinaria della rete di distribuzione a valle della Diga.

Dopo una breve visita al Museo di Aidone e alla Venere di Morgantina, alla presenza del Sindaco Lacchiana, l’Assessore Cracolici ha presenziato all’inaugurazione di una nuova attività produttiva nell’area industriale di Dittaino, dove si è insediata un’azienda locale di produzione di sughi pronti all’uso, la “Gustibus alimentari srl” dei F.lli Pecorino, per poi visitare lo stabilimento di produzione energetica da biomassa e il panificio industriale “Val Dittaino”. “Sono rimasto favorevolmente colpito da un’area industriale descritta come in abbandono – ha sostenuto Cracolici – ma che invece mostra segni importanti di una volontà di produrre esaltando la bontà e la genuinità dei prodotti locali”.

Altro incontro ha visto come protagonisti, ad Agira, gli allevatori dell’Associazione Regionale Allevatori che hanno chiesto a Cracolici il superamento della fase di commissariamento e la normalizzazione della gestione dell’associazione. A loro l’Assessore Cracolici ha assicurato un’interlocuzione con il Ministro alle politiche agricole Maurizio Martina affinché intervenga in tal senso presso l’Associazione nazionale degli allevatori (ARAS).

Infine l’ultimo appuntamento quello di Troina dove l’Assessore Cracolici ha illustrato i risultati di quattro mesi di attività di governo che ha visto importanti provvedimenti a favore del comparto agricoltura in Sicilia, a cominciare dal finanziamento della quota di compartecipazione dell’AGEA che ha consentito di sbloccare le somme relative alla misura 121 che finanzia l’acquisto di mezzi agricoli, passando poi per il varo della misura legislativa che consente alle aziende agricole siciliane di ristrutturare i propri debiti ricevendo non solo la garanzia finanziaria da parte della Regione, ma anche il pagamento degli interessi, per i debiti accumulati fino al 31 dicembre 2015. Con un finanziamento pari a tredici milioni di euro sarà possibile ristrutturare un monte complessivo di debiti delle aziende agricole siciliane pari a circa duecento milioni di euro. “Una vera e propria boccata di ossigeno – commenta l’On Alloro – per le aziende agricole che devono continuare a rappresentare il traino della ripresa dell’economia siciliana. In quest’ottica rientrano i provvedimenti che hanno riguardato l’IRFIS, che diventa a tutti gli effetti istituto bancario a sostegno delle iniziative imprenditoriali in agricoltura e della CRIAS che potrà finanziare l’accumulo delle scorte necessarie all’attività agricole”.

Visite: 608

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI