L’Asp di Enna prelievo di Cornee domiciliari a Centuripe

Il dolore della perdita lascia il posto all’altruismo. Aveva espresso il desiderio di donare le coree e i familiari quando il loro caro ha cessato di vivere hanno compiuto il suo volere facendo un gesto di grande generosità. Nella giornata di ieri nel piccolo comune di Centuripe è avvenuto il primo caso in Sicilia di prelievo di cornee domiciliare eseguito appunto nella casa del defunto C. D., l’uomo di 72 anni che perdendo la sua vita ha ridato la speranza a un altro essere umano. La famiglia in preda alla commozione ha espresso la volontà di compiere questo gesto e il medico curante si è messo in contatto con il Crt, il centro regionale trapianto che ha allertato la direzione dell’Azienda sanitaria della provincia di Enna. L’Asp ha subito (la tempestività è fondamentale il prelievo avviene entro 7 ore dal decesso) messo in piedi un’equipe. In Sicilia la donazione degli organi è ancora una pratica poco diffusa tanto più la donazione delle cornee (la parte anteriore trasparente dell’occhio) e per giunta a casa dello scomparso quindi l’occasione assume un’eco ancora più importante. Molti in lista sono costretti a doversi recare all’Estero proprio a causa del risicato numero di donatori. “Questo prelievo testimonia la possibilità, anche per piccoli ospedali non dotati di alte specialità, di poter contribuire all’incremento delle donazioni e ancor più l’occasione di poter diffondere la cultura della donazione”. Il prelievo del tessuto corneale è avvenuto nei tempi e nelle modalità che lo stesso protocollo di sicurezza impone. A effettuarlo l’equipe oculistica, formata dai medici Domenico Giustino e Luigi Messina, che hanno operato in condizioni difficili, il cardiologo Carmelo Battaglia ha accertato la morte cardiaca, e gli infermieri Giuseppe Gervasi e Fabio Guarneri, al quale è andato il ringraziamento di Paolo Alaimo, coordinatore locale per i trapianti dell’Asp di Enna. Grande impegno organizzativo soprattutto del direttore di presidio Rosario Cunsolo che ha mostrato grande sensibilità ed esperienza nell’ambito. “Un ringraziamento particolare – ha dichiarato per telefono Emanuele Cassarà, direttore sanitario dell’Asp – va rivolto ai parenti del donatore che in un momento di grande dolore non hanno ceduto allo sconforto ma hanno dato seguito a un gesto di grande amore e solidarietà”.  È importante ricordare che tutti e a qualsiasi età siamo potenziali donatori.

Angela Montalto

Fonte: Giornale di Sicilia

Visite: 1233

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI