L’Artista ennese Giulia Clemente “I sacrifici alla fine sono sempre ripagati”

La gavetta ed i sacrifici alla lunga pagano sempre. E’ quanto si può affermare per la carriera artistica dell’ennese Giulia Clemente. Curiosa per indole è stata sempre attratta fin da piccola, dall’affascinante mondo della Comunicazione. In concomitanza agli studi universitari, frequenta per tre anni, il Laboratorio intensivo di Formazione “Teatro dei Territori”, successivamente viene scritturata, dal 2006 al 2012, nel ruolo di performer nella complessa disciplina del teatrodanza, collaborando con Aurelio Gatti, Lucia Sardo, Ernesto Lama, Donatella Finocchiaro. Partita tre anni fa da Enna verso Roma dopo tanta gavetta nella sua città, la ventottenne Giulia, ha salito i gradini uno per volta sia nel teatro che nel piccolo e grande schermo, riuscendo oggi a ritagliarsi un proprio spazio. Viene selezionata al masterclass cinematografico presso l’ Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico. In seguito prende parte in veste di attrice protagonista a numerosi spettacoli teatrali. Successivamente esordisce nel piccolo e nel grande schermo, ed è protagonista femminile in docufiction per il canale Real Time e Cielo Tv. Protagonista di spot di sensibilizzazione: “Gli Occhi di Dio” e “Un Natale per Sempre”, fa parte dei cast del film “L’Esodo” e della serie tv “Il Potere di Roma”. Attualmente, è tra i protagonisti di un film Commedia (con struttura all’Italiana) e a fine novembre intrapenderà un nuovo film, di genere Noir. Attrice polivalente è impegnata anche come speaker per spot pubblicitari e fiabe per bambini. “Si sono molto soddisfatta di quello che sto facendo oggi – ci racconta – e sono molto orgogliosa perché è tutto frutto di tanti sacrifici. Nel mondo dello spettacolo nessuno ti regala nulla e devi saper partire dal gradino più basso. È un settore molto competitivo. Ma quando si crede con fermezza in se stessi e nelle proprie capacità, i sogni possono diventare realtà”. Ed a proposito di sogni, stai tentando di affermarti in un mondo complicato come quello del teatro e cinema in un momento molto particolare anche da un punto di vista economico. Un mondo in cui tanta gente per sopravvivere sbarca il lunario. Tanti giovani della nostra città magari sognano di tuffarsi in questo mondo ma hanno timore di farlo per paura di fallire. Tu cosa consigli loro? “Se non proveranno rimarranno sempre con il rammarico di non aver tentato – continua – quindi io consiglio loro di provare, di sperimentarsi, cogliendo ogni più piccola opportunità al fine di raggiungere l’obbiettivo. Fermo restando che alla base ci devono essere non solo le qualità ma uno spiccato senso del sacrificio”.

Visite: 6055

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI