La Torre di Federico di Enna apre le porte a una Scuola di falconeria federiciana

La Torre di Federico di Enna apre le porte
a una Scuola di falconeria federiciana
Sarà la prima in tutta Italia ad essere fondata grazie al sostegno di un’istituzione pubblica. Il maestro Agatino Grillo: “Ci sarà anche un museo tematico multimediale”. Cettina Rosso: “Un polo d’attrazione per tutta l’Europa”

Enna, 8 ottobre 2017
Come annunciato lo scorso maggio dal comitato scientifico della Settimana federiciana ennese 2017, la Torre di Federico di Enna si prepara ad accogliere un’accademia di falconeria federiciana guidata dal maestro falconiere Agatino Grillo. Si tratta di un’iniziativa di portata storica, visto che è la prima volta in tutta Italia che un’istituzione pubblica (il Comune di Enna, sollecitato dalla Casa d’Europa) sostiene la creazione di una scuola di falconeria.
Un incontro operativo si è già svolto nei giorni scorsi tra l’ideatrice della Settimana federiciana ennese Cettina Rosso, il sindaco di Enna Maurizio Dipietro e il maestro Grillo, titolare del Centro rapaci dell’Accademia siciliana falconieri Federico II di Svevia.
“Sono state poste le basi per la realizzazione di un progetto di alto valore storico, didattico, culturale e scientifico – spiega Cettina Rosso – la Torre di Federico è stata scelta quale Dimora del Falconiere e tra breve sarà in grado di attrarre presenze da tutta Europa, divenendo il fulcro di ricercatori, studenti di ogni età e amanti del Medioevo”.
Il sogno di Agatino Grillo, con una passione trentennale per la falconeria e da oltre dieci anni alla guida dell’Accademia di falconeria di Misterbianco (Catania), è quello di fare della Torre di Federico anche un museo tematico multimediale sulla falconeria federiciana. Non solo gufi, aquile, falchi e altri rapaci, quindi, ma un tuffo vero e proprio dentro l’arte più amata dall’imperatore svevo che, come tiene a sottolineare lo stesso Grillo, “continua ad affascinarci e ispirarci dopo quasi otto secoli dalla sua morte”.
Ricordando che la falconeria italiana nel dicembre 2016 è stata dichiarata dall’Unesco patrimonio culturale immateriale dell’umanità, Grillo afferma anche che “Enna e la sua Torre di Federico, con i suoi spazi esterni e le sua sale interne, esprimono una vocazione naturale per la falconeria”.

Per il sindaco Maurizio Dipietro, infine, “la scuola di falconeria è un’occasione preziosa sulla quale lavoreremo da subito, cercando di coinvolgere non solo l’anima medievale della nostra città, ma anche le scuole: nei prossimi giorni, dopo i dovuti passaggi istituzionali, definiremo tempistica e modalità della fondazione della scuola, la cui apertura sarà annunciata alla città con una conferenza stampa”.
.

Visite: 1257

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI