La Sicilcassa Lettera ad un amico; la racconta Angiolo Alerci

LA SICILCASSA ( lettera ad un amico)

Giorni fa, seguendo sui media le forti polemiche tra la Consob e Banca Italia, ho sentito il bisogno di esternare ad un caro amico un mio pensiero al riguardo.
L’amico è Augusto Lucchese, ennese che da oltre mezzo secolo non vive ad Enna, anche se periodicamente vi ritorna.
Augusto è stato mio amico nell’Azione Cattolica, nei primi passi in politica in seno alla D.C. e collega di banca, avendo anche lui vinto lo stesso concorso.
Oggi vive nel catanese dove ha fondato l’ Associazione Socio Culturale Ethos e ne dirige un affermato giornale on line, che da sempre ospita i miei articoli.
Questa mia esternazione Augusto ha ritenuto di pubblicarla sul suo giornale, per cui sono venuto nella determinazione di diffonderla anche attraverso gli altri giornali on line che pubblicano le mie note.
Considerazioni che riguardano indirettamente comportamenti della Banca d’Italia.
“”Vincitore, all’età di vent’anni, di un concorso bandito dalla Cassa di Risparmio V.E.,ho prestato 35 anni di servizio (massimo consentito dal contratto di lavoro) iniziando il mio lavoro a Piazza Armerina e continuato, per i successivi trasferimenti, a Enna, Canicattì, Montemaggiore Belsito, Mazzarino, Enna, Caltanissetta, Palermo e Messina.
Trasferimenti che hanno comportato sacrifici ma, nel contempo, affermazione e miglioramenti nella carriera.
Direttore di Agenzie, Ispettore, Direttore di Filiale, Direttore di Sede e Ragioniere Generale .
A 54 anni , raggiunti i 35 anni di servizio, collocato in pensione assieme ad altri 9 dirigenti, colleghi di concorso, per le pressioni esercitate dai sindacati che avevano richiesto l‘osservanza della norma contrattuale..
Il nostro collocamento in pensione avrebbe, secondo loro, consentito un certo scorrimento nelle carriere mentre, in effetti, stravolse l’intera struttura gestionale dell’Istituto.
Quasi tutti i miei colleghi avevano superato i 60 anni di età , dal momento che io avevo vinto il concorso a 19 anni, mentre diversi erano “reduci” di guerra.
Sembrerà strano, ma il provvedimento di collocamento in pensione venne firmato dal Direttore Generale Ferraro il quale era stato pure lui assunto quale vincitore dello stesso concorso.
Ma la “farsa” doveva ancora verificarsi.
Il Consiglio di Amministrazione, convocato per coprire i posti i resi vacanti, constatò che nessuno dei funzionari di 1^ classe aveva i titoli previsti per la promozione a Direttore e deliberò l’assunzione a contratto di otto dirigenti, provenienti da altri Istituti di credito ed anche dalla Banca d’Italia.
Esperimento fallito e concluso nel giro di pochi mesi.
L’amministrazione era a conoscenza della situazione interna del personale e, quindi, non avrebbe dovuto varare un provvedimento che produsse danni sia economici che d’immagine, dal momento che la Sicilcassa in quel periodo, per importanza, occupava il secondo posto tra le Casse di Risparmio d’Italia.
Allora di parlò di una operazione “suggerita” dall’esterno.
Oggi il conflitto tra il comportamento della Banca d’Italia e la Consob su i sistemi di controllo effettuati dalla Banca d’Italia.
Nel periodo in cui svolgevo l’incarico di Ragioniere Generale della Sicilcassa, per il settore di mia competenza, mi pervenivano i verbali contenenti i rilievi fatti nel corso di ispezione da parte della Banca d’Italia.
Diversi rilievi venivano sottolineati ed annotati dal nostro Direttore Generale con l’espressione “ agli atti”, senza dare alcun riscontro alla Banca d’Italia.
Non mi risulta, nel periodo della mia permanenza in quell’incarico, alcuna richiesta da parte della Banca d’Italia o un sollecito di riscontro in merito ai rilievi verbalizzati.
Oggi appare chiaro l’aperto contrasto tra Banca d’Italia e Consob, che si scambiano le accuse di responsabilità per il disastro del nostro sistema bancario, dal momento che i risultati delle ispezioni effettuate possano essere rimasti tra gli atti formali della Banca d’Italia, la quale aveva il dovere di effettuare successivi controlli , verifiche e seguire da vicino la regolarizzazione delle irregolarità accertate.
Non c’è dubbio che sarebbe un fatto gravissimo se, come sostenuto dalla Consob, la Banca d’Italia avesse anche fornito dati inesatti sulla reale situazione di numerose banche .
Che ne pensi? Saluti Angiolo””
Questa la risposta : “Sacrosante verità. Anche fra gli addetti ai lavori, pur se colleghi, molti ritengono più utile trastullarsi in insulse polemiche di basso conto o controproducenti diatribe riguardanti la controversa gestione del “Fondo”, piuttosto che collaborare per mettere in luce situazioni direttamente o indirettamente legate all’assassinio della Sicilcassa. Ciao,saluti Augusto “
Considerazioni al riguardo mi riservo di pubblicare per fare chiarezza a fatti sconosciuti da molti e da molti interpretati in modo sbagliato

angiolo alerci

Visite: 138

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI