La scomparsa di Padre Luigi Ferlauto: il giornalista ennese Ivan Scinardo “Ecco il mio pensiero sul “padre”

Questo il pensiero del giornalista ed attuale direttore della sede di Palermo della scuola nazionale di cinematografi l’ennese Ivan Scinardo sulla scomparsa di Padre Ferlauto. Scinardo per oltre un decennio ha curato le pubbliche relazioni di Padre Luigi Ferlauto vivendoci quotidianamente al suo fianco. “Ecco il mio pensiero sul “padre” come l’ho sempre chiamato per 16 anni della mia vita. Lui, come un gigante, mi ha portato in spalla, lungo un cammino umano e professionale esaltante. Con lui ho vissuto tante gioie e soddisfazioni ma anche qualche dolore legato al lavoro. Ho vissuto nel 1998 il grande privilegio di averlo a Enna, nella mia chiesa natale, Montesalvo, dove mi ha sposato. Ha battezzato all’Oasi, mia figlia Arianna. In questi anni ho scritto tanto sui “maestri della mia vita”, coloro i quali, ultraottantenni, mi hanno fatto crescere e mi hanno insegnato tantissimo…Lui per me rimarrà il “Grande Maestro” nel senso più nobile del termine.. Ho avuto l’onore di seguirlo nei viaggi, in America, in Brasile, in Francia, e mi sono sentito davvero importante al suo fianco. Da lui ho imparato tantissimo a tal punto da conquistare la sua stima e fiducia; mi affidò la realizzazione di un progetto ambizioso “L’antenna Bianca” una televisione che raccogliesse solo notizie positive. Ci riuscii per 5 anni dal 2003 al 2008 anno in cui feci la mia ultima diretta da Rimini per la convocazione nazionale del Rinnovamento nello Spirito. Ho diretto l’ufficio stampa dal 1992 ma soprattutto ho gestito un settore molto delicato come le pubbliche relazioni, accogliendo, sempre su incarico di padre Luigi, centinaia di ospiti desiderosi di conoscere il progetto della Città Aperta, di cui mi sono sempre sentito parte attiva. Quando parlo dei maestri, voglio ricordare l’avvocato Gaetano Rizzo Nervo… adoravo quell’uomo… un “principe”… forse l’unica persona “Saggia” che io abbia mai conosciuto… Mi mancano tanto i lunedì in cui con padre Ferlauto e lui pranzavamo insieme; in un appuntamento fisso che, la sua perpetua, Angela Guagliardo, ormai definiva “il lunedì dei giornalisti”. Parlavamo di tutto, di politica di sociale. Aggiornavamo il padre dei fatti di attualità. Era un momento intimo e magico. Vorrei scrivere tantissimo ma preferisco lasciare spazio in questo momento alla preghiera per un uomo che rimarrà nella storia.
Ivan Scinardo

Visite: 363

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI