Incendio Enna-Calascibetta-Villarosa oltre 400 ettari andati in fumo

Sarebbero oltre 400 gli ettari, (per fare una idea 400 campi di calcio) tra macchia mediterranea, sterpaglie ma anche boschi andati in fumo, anche se i dati non sono definitivi, nell’apocalittico incendio che dalle 13 di lunedì 10 luglio e per oltre 20 ore ha interessato i territori di Enna, Calascibetta e Villarosa. Le fiamme si sono levate dalla contrada Ferrarelle per propagarsi poi su tutte le pendici di Calascibetta e in parte anche di Enna. Ed i danni a cose, persone ed animali sono stati contenuti al massimo grazie al lavoro encomiabile di centinaia di addetti allo spegnimento tra Forestale, Vigili del Fuoco, Protezione Civile ma manche Polizia e Vigili urbani di Enna e addetti dell’ufficio tecnico del capoluogo. Secondo i dati forniti dal Commissario del Corpo delle Guardie Forestali del compartimento di Enna Pietro Baleno, questa struttura ha impiegato nelle quasi 24 ore di intervento 34 squadre per quasi 200 sabbisti, oltre a 13 autobotti e diverse pattuglie di Guardie Forestali che hanno coordinato tutti gli interventi. Se a questi si aggiungono tutte le persone degli altri enti impegnati si va abbondantemente oltre le 300 unità. Per i Vigili del Fuoco intervenute 8 squadre per un totale di 40 uomini. E’ stato trattenuto anche il personale smontante perchè in carenza di organico Inoltre sono anche intervenuti dei Canadair del Corpo Nazionale Protezione Civile che hanno effettuato 6 lanci. L’intervento di ieri si può definire concluso anche se si stanno effettuando delle opere di bonifica. Ma già nella tarda mattinata di oggi si segnalavano nuovi focolai sempre nella zona di contrada Misericordia. Lo stato di allerta rimane alto.

Visite: 1458

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI