In uscita il libro “Onorata Società” di Cirino Cristaldi e Mirko >Giacone

Politica. Affari. Corruzione. Massoneria. Poteri Forti. Con Sesso, Alcool & Droga a fare da piccante contorno.
E’ questo l’impianto narrativo lungo il quale si dipana l’intricata trama di “Onorata Società” (Bonfirraro Editore) firmato a quattro mani da due giovani scrittori catanesi, Cirino Cristaldi e Mirko Giacone, e presentato al “Caffè Letterario in Terrazza” – programma estivo del cartellone SPAZIO al SUD – domenica 21 luglio, alle ore 18:30, ospite dell’Hotel Isabella di Taormina.
Protagonista è Pierluca Aragonesi, figlio di una famiglia di agricoltori dell’entroterra siciliano modesta ma saldamente ancorata ai sani principi di onestà ed integrità di una volta, nella cui vita risulta determinante la strage di Capaci, dove la mafia (sic!) uccide il giudice Giovanni Falcone, la moglie ed i tre uomini della scorta. Ragazzini di 13 anni, Pierluca Aragonesi e Giovanni Di Bella – suo amico del cuore e compagno di studi alle medie – rimangono non solo molto turbati dalle tragiche immagini dell’attentato, ma, soprattutto, profondamente colpiti dalla statura morale di Falcone e dal suo convincimento che, sia pur con un duro lavoro, “la mafia avrebbe avuto una fine” ed il Bene la meglio sul Male.
Così, nel prosieguo degli studi, decidono di trasferirsi a Roma per frequentare la Facoltà di Giurisprudenza de La Sapienza, prestigiosa università che sfoggia docenti di altissimo profilo, compresi Giudici Costituzionali, Ministri e Presidenti di Consiglio. Un’esperienza di vita e di studi condivisa per cinque anni dai “due giovani ribelli terroni” che si fanno le ossa nell’attività politica entrando a far parte dell’Associazione Studenti Popolari Romani. Fino ad arrivare, proprio Pierluca Aragonesi, a ricoprire la carica di vicepresidente del Movimento Studentesco e denunziare, attraverso i media locali, voti di scambio e malefatte del Rettore e di molti docenti.
Il Vaso di Pandora è aperto. Gli scheletri rovinano giù dagli armadi. Rettore e docenti costretti alle dimissioni e perseguiti dalla Magistratura. Il clamore mediatico dello scandalo fa di Aragonesi il paladino contro la corruzione del “sistema”, diventando al contempo il trampolino di lancio per entrare, dal portone principale, nella politica ‘vera’, con l’adesione, grazie al Sen.Orsato che ne fa il suo pupillo, al Partito Popolare Italiano. La scalata al Potere ha inizio.
E mentre Giovanni Di Bella, rimasto a Roma, conquista la fama di giudice integerrimo stimato per il grande rigore etico, Pierluca Aragonesi, tornato in Sicilia per darsi alla politica nell’intento di combatterne deviazioni e collusioni, a soli 26 anni a furor di popolo – e con le ‘giuste’ alleanze e desistenze – diviene sindaco di Agira, suo paese natale, ed a 31 il più giovane deputato regionale a Palazzo dei Normanni.
Ma, la fame di Potere di Aragonesi è senza limiti, rivelandosi inversamente proporzionale alla ‘tenuta’ dei suoi valori etici di partenza. Ben presto, scalata sociale e fascino del Potere lo rendono così disponibile a sempre maggiori cedimenti. Il ‘sistema’ dei compromessi e dei favori agli “amici” ed agli “amici degli amici”, degli intrighi di palazzo e della corruzione che si era prefisso di combattere, come una pozione velenosa ingerita giorno dopo giorno si insinua nella sua vita e, tra festini a base di sesso, ‘escort’ d’alto bordo, fiumi di alcool e droghe, Logge massoniche ed ‘ambiguità’ la stravolge. Facendolo precipitare in una spirale dove la vita delle persone, colpevoli solo di avere visto ciò che non dovevano vedere, non vale nulla.
Denso, con molti spunti di riflessione, dal taglio cinematografico, “Onorata Società” è un romanzo tra thriller, fanta-politica e denunzia sociale da leggere tutto d’un fiato!
La presentazione del libro, condotta dalla giornalista Milena Privitera ed organizzata dall’associazione “Arte&Cultura a Taormina” presieduta dalla giornalista MariaTeresa Papale, è sponsorizzata dall’Associazione Albergatori di Taormina, con il patrocinio dell’Assessorato Regionale ai Beni Culturali ed Identità Siciliana, del Comune di Taormina, Fondazione Taormina Arte Sicilia, Club Unesco Taormina, Valli d’Alcantara e d’Agrò, e la partnership dell’associazione culturale calabrese “Piazza Dalì”, del “Gais Hotels Group”e dell’Hotel Isabella messo generosamente a disposizione da Isabella Bambara De Luca.

Visite: 366

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI