Il Vice Presidente dell’Ars Antonio Venturino su volontà di Piazza Armerina ad aderire a città metropolitana Catania

“Se Piazza Armerina dovesse passare con la Città metropolitana di Catania rischiamo di diventare la periferia dell’impero, bisogna riflettere se è più giusto entrare nel Consorzio Ennese con prospettive diverse”. E’ quanto afferma il vice presidente vicario dell’Ars Antonio Venturino che rilancia il tema “caldo” e molto sentito dai piazzesi su quella che sarà nel prossimo futuro la collocazione di Piazza Armerina. Andare con Catania o creare il Consorzio Ennese continuando a recitare un ruolo da protagonista nel territorio?

 

“Con il referendum celebrato l’anno scorso – spiega Venturino – i piazzesi avevano deciso di aderire al Libero Consorzio di Catania, ma dopo l’approvazione della legge un mese fa, da parte del parlamento regionale, le cose sono cambiate e in molti oggiAggiungi un appuntamento per oggi pensiamo, anche se tanti non hanno il coraggio di esporsi in prima linea, che andare con la Città metropolitana di Catania comporterebbe un rischio molto alto per le ricadute negative sulla vita quotidiana dei cittadini. Pensiamo ai precari delle amministrazioni pubbliche, ai dipendenti degli enti che potrebbero essere trasferiti e costretti a percorrere decine e decine di chilometri ogni giorno – aggiunge il vice presidente vicario dell’Ars -, pensiamo anche ai costi delle assicurazioni, sappiamo tutti che cambiano rispetto alla Provincia di residenza e poi che ne sarà del nostro ospedale “Chiello” per cui tanto abbiamo lottato. Sulle ricadute in termini di vita quotidiana – prosegue Venturino – dobbiamo interrogarci e riflettere perché Piazza Armerina, aderendo al Consorzio Ennese, può rivendicare, grazie alla potenzialità del suo patrimonio culturale e archeologico, un ruolo da protagonista per diventare centro nevralgico e strategico di un reale rilancio dell’economia legata alla cultura e al turismo come volano di sviluppo dell’intero territorio. E la frase di Giulio Cesare oggiAggiungi un appuntamento per oggi è quanto mai attuale: “Preferirei essere primo in questo modesto villaggio che secondo a Roma”.

 

“Per queste ragioni – conclude Venturino – sto contattando tutti i sindaci della provincia di Enna per vederci sabato 19 a Piazza Armerina e fare tutti assieme una riflessione serena ma concreta sulla strada che dobbiamo percorrere per il bene della nostra città, evitando inutili campanilismi ed egoismi personali”.

 

Visite: 391

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI