Il Senatore Antonio D’Alì su vicenda porto di Trapani

Trapani, 15 settembre 2016. Il Senatore Antonio d’Alì torna a parlare della vicenda “Porto di Trapani”, dopo la richiesta di moratoria di tre anni per l’entrata in regime del sistema portuale che è stata formalizzata in questi giorni dal Presidente della Regione Crocetta.

“Ribadisco la mia ferma e chiara contrarietà all’intero decreto DelRio, inadatto, non utile e anzi dannoso e pure confuso, come commenta la nota sindacale della Cigl Sicilia. E avendo speso e spendendo ancora in tutte le sedi sociali e politiche il mio pensiero sulla illegittimità della inclusione del porto di Trapani in quelle previsioni, resto in attesa di vedere come andrà a finire l’intera vicenda, che, se non fosse una cosa veramente seria, direi che comincia a colorarsi anche di commedia degli equivoci e delle passerelle”. “Spero che l’iniziativa del Presidente della Regione, assunta principalmente a seguito di una interlocuzione più tecnica che politica, sia corretta nei contenuti e nella forma e non possa dare il destro al Governo Nazionale di escludere il porto di Trapani dalla proroga. Sarebbe la beffa che si aggiunge al già patito originario danno della soppressione della autorità portuale di Trapani, anche quella opera di un governo di sinistra”.

 

Visite: 194

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI