Il deputato regionale Marianna Caronia su proposta M5S di elezione a sorteggio dei revisori conti

“Se la norma sul sorteggio dei revisori dei conti delle partecipate regionali approvata oggi in I Commissione su proposta del M5S e col sostegno del PD diventasse davvero legge, ci troveremo in una situazione di totale caos ed incertezza normativa.
Forse l’intenzione era giusta, con la volontà di scelte imparziali e trasparenti, ma il risultato sarebbe a dir poco catastrofico, col rischio di una paralisi degli enti.”

Marianna Caronia boccia senza appello la proposta di legge targata 5 Stelle votata oggi in Commissione Affari istituzionali, che prevede che tutti i revisori siano scelti tramite sorteggio.

“Una simile previsione – afferma la Caronia – sarebbe inapplicabile perché quella materia è regolamentata da una normativa nazionale (il D. lgs. 39/2010, ndr) che attribuisce all’assemblea dei soci di ciascun ente il potere di scelta, sulla base di un lavoro istruttorio che non può non tenere conto delle competenze specifiche necessarie, del piano di revisione predisposto, della idoneità tecnico-professionale.”

Dalla presidente del gruppo misto viene una critica al fatto che la Commissione abbia votato la proposta: “stupisce – afferma – che da parte della Presidenza della Commissione non vi sia stato un lavoro istruttorio più approfondito, che avrebbe mostrato che la norma non è votabile perché, se mai dovesse diventare legge, andrà certamente incontro ad una sonora bocciatura costituzionale.”

Visite: 230

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI