Il coraggio dei giovani imprenditori Oriana, Paolo e Elisa Cottonaro; il Caseificio Raja

Quando 5 anni fa iniziarono questa avventura, insieme tuti e 3 arrivavano a 83 anni. E probabilmente, malgrado figli d’arte è stata questa “freschezza” anagrafica ha dare la prima spinta di coraggio per cimentarsi nel mondo dell’imprenditoria anche se ad onor del vero loro sostengono che il primo “folle” in assoluto ad invogliarli è stato proprio il padre. Ma oggi invece i tre fratelli sono convinti di aver vinto la scommessa anche se consapevoli che la loro è una sorta di battaglia giornaliera. I tre sono Oriana, Paolo e Elisa Cottonaro rispettivamente 35, 33 e 30 anni, titolari del Caseificio Raja a pochi chilometri da Enna nell’omonima contrada sulla SS 121. I tre fratelli hanno avviato un caseificio sui terreni di famiglia nell’azienda agricola del papà Filippo, agronomo e ancor prima dal 1968 dal nonno Paolo. Il podere risale alla fine del 1800 ed i proprietari di alto rango, la utilizzavano come residenza estiva. Ma come si arriva alla nascita del caseificio? “Appena cresci dopo aver terminato gli studi e ti guardi intorno ti chiedi cosa vuoi fare – raccontano i tre ragazzi in un momento di relax – e così invogliati da nostro padre ci siamo “imbarcati” in questa avventura da dove siamo parti praticamente da zero, realizzando l’immobile dove oggi c’è il caseificio, alla stessa esperienza che di fatto in questo settore era praticamente zero. Ognuno di noi tre si è messo in discussione ci siamo andati a documentare e formare sia sul campo andando da casari ad imparare ma anche apprendendo dai libri. E così tra un errore ed un altro tra formaggio sbagliato e buttato oggi siamo qui”. Oggi il caseificio Raja produce una numerosa varietà di formaggi, provole, formaggi di latte vaccino, il Piacentinu Dop, mozzarelle e anche la loro “punta di diamante” la Burrata alla Yogurt. “Il tutto a chilometri zero – precisa Paolo – il latte è quello dei nostri animali, di pecora della Valle del Belice che è specifica per la produzione del piacentinu ennese DOP come prevede il disciplinare e di vacca la bruna italiana, razza con latte di alta qualità, per proteine e che abbiamo in azienda. Anche lo Zafferano per il Piacentinu lo coltiviamo quasi tutto noi e negli stessi locali del caseificio abbiamo il punto vendita principale anche abbiamo una nostra rete commerciale”. Oggi dopo 5 anni di Start Up, Oriana, Paolo e Elisa sono soddisfatti anche se i sacrifici non sono pochi. “Cosa ci spinge a continuare – commentano – la passione per questo lavoro che ci piace tanto. Giorno dopo giorno vediamo crescere la nostra azienda e questo ci ripaga di tanti sacrifici. Certo i problemi non mancano in primo luogo quelli con lo stato per la forte pressione fiscale e la burocrazia. Ma anche quelli con un mercato sempre più aggressivo che premia il prezzo al ribasso e non la qualità. Ma noi però andiamo avanti consapevoli che il percorso è ancora in salita. Ma prima o poi inizierà anche la discesa”.

Visite: 4420

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI