Il Coordinamento nazionale dei Diritti Umani sul docufilm “Fuocoammare”

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani intende esprimere profondo apprezzamento per il contributo alla causa dei Diritti umani offerto dal docufilm “Fuocoammare” e augurare che la pellicola possa essere premiata con il massimo riconoscimento del settore, il premio Oscar, come miglior docufilm straniero.
Gli argomenti proposti dall’opera di Rosi mettono in risalto il dramma che si sta consumando quotidianamente nel Mar Mediterraneo. Oggi gli extracomunitari, con enormi sacrifici e stremati da un viaggio ai limiti dell’umana sopportazione, rischiano tutto per un pezzo di pane, per una vita migliore. Cercano proprio qui, da noi, un’occupazione, una tranquillità sociale, una possibilità di riscatto che altrove sono negate. Il dottor Pietro Bartolo, attore principale e medico di Lampedusa, trasmette una grande carica umana e rispetto della dignità altrui e induce a riflettere sull’orrore della “speranza negata”, frutto di un atteggiamento discriminatorio, che sta attecchendo sempre più nei cuori degli europei.
Un approccio emotivo più costruttivo e aperto permette di vivere in mezzo agli altri con serenità, cercando insieme le soluzioni migliori per affrontare anche la congiuntura economica sfavorevole. L’Europa non migliorerà economicamente, se priverà i suoi cittadini di un futuro multietnico e “multipotenziale”.
Si emigra per motivi diversi, ma in fondo sempre uguali: fame, persecuzione politica / religiosa o spirito d’intraprendenza. Nessuna di queste tre esigenze dovrebbe essere disattesa nel mondo.
Auspichiamo, quindi, che il mondo raccontato da Rosi possa trovare cittadinanza e comprensione negli USA di Trump. “We have dream”.

Prof. Romano Pesavento
Presidente Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani

Visite: 312

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI