Il Commissario Regionale Irsap Mariagrazia Brandara ricorda la strage di Capaci

23 MAGGIO, ANNIVERSARIO DELL’ECCIDIO DI CAPACI
IL RICORDO/APPELLO DI MARIAGRAZIA BRANDARA

Il Commissario Mariagrazia Brandara, IRSAP:

“La mafia uccide ancora. Il ricordo della strage di Capaci passi dall’impegno altrimenti rischia di essere inutile e sterile.

Appello alla Pubblica amministrazione: girarsi dall’altra parte dinnanzi al malcostume
e rimanere con le braccia conserte fa male a questa terra come la mafia”

PALERMO. “In giornate come queste il rischio di cadere e scadere nella retorica è molto sottile, eppure la mafia uccide ancora per le strade di Palermo per regolare i suoi conti – ha detto il Commissario straordinario IRSAP Sicilia, Mariagrazia Brandara – a distanza di 25 anni dall’eccidio di Capaci costato la vita ai giudici Giovanni Falcone e Francesca Morvillo e agli agenti della scorta, il ricordo non può che essere accompagnato ‘dall’impegno’, altrimenti rischia di essere inutile e sterile, fine a se stesso”.

“Io vorrei poter lanciare un appello a chi si occupa della gestione della Cosa pubblica – sottolinea – a chi è al servizio dei cittadini ricoprendo ruoli di vario ordine e grado, a tutti i livelli nella Pubblica amministrazione, a fare il proprio dovere anche e soprattutto quando il rischio di rimanere imprigionato nelle maglie della corruzione è altissimo, ma anche ad affrontare situazioni compromettenti senza girarsi dall’altra parte, a non tenere le braccia conserte per paura di sbagliare ma a fare, perché il non fare è l’equivalente di fare male, anche quando questo vuol dire risultare impopolare, e ancora a non contribuire ad avvelenare i rapporti solo per garantirsi la carriera”. E conclude: “Penso che questo sia un buon modo di ricordare e fare memoria di chi al prezzo della su stessa vita ha difeso e lottato contro il malaffare e la mafia per questa terra, che bellissima e disgraziata, per usare le parole di Paolo Borsellino, merita il nostro rispetto”.

Visite: 128

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI