Il Comitato promotore per i diritti dei cittadini ricorda Napoleone Colajanni

NAPOLEONE COLAJANNI
Il 28 aprile 2018 al liceo classico “Napoleone Colajanni” si inaugurerà la riapertura della biblioteca “Salvatore Mazza” eccellente Preside di quell’Istituto e la inaugurazione del Centro Studi “Napoleone Colajanni”. Sicuramente un avvenimento importante e lodevole, per tutto ciò che viene fatto per valorizzare e divulgare la personalità di Napoleone Colajanni.
Si vuole a tal proposito ricordare alcune iniziative nel passato sul nostro concittadino:
– Il 3-6 giugno 1982 con la partecipazione di personalità del mondo della cultura di professori di diverse università d’Italia, indetto da Comune di Enna si tenne un Seminario dedicato alla vita di Napoleone Colajanni;
– Il 6-10-2001 con un annullo delle poste si svolse in occasione del’80° anniversario della sua morte (2-9-1921), organizzato dal Rotary una mostra documentaria nella Galleria Civica, che fu aperta fino al 17-10-2001;
– ln occasione del 130° anniversario della sua nascita(27-4-1847)venne pubblicato sul giornale OTTOGIORNI del 9-11-1977, un numero unico stampato nel 1912 per i 5O anni di partecipazione alla vita pubblica di Napoleone Colajanni;
– Il giornale IL SOLCO in occasione della ricorrenza del 24° anno della sua morte (2-9-1921-2-9-1945) pubblicava un articolo a suo ricordo, così anche per il 25° anniversario nel 1945.
Ma anche si vuole ricordare la “battaglia” condotta da questo Comitato per ridare il nome a Napoleone Colajanni all’Istituto accorpato con quello del Magistrale, poiché era prevalsa la denominazione data a questa scuole scuola e cioè Dante Alighieri, che senza volere fare confronti, ma era giusto privilegiare il nostro concittadino che si era adoperato per l’apertura del “liceo ginnasio” con R. D. n. 581 del 24-9-1891 ed a riguardo il 31-1-1921 il Collegio dei docenti, ancora in vita Colajanni, decise all’unanimità di intestargli la scuola.
Purtroppo nella sua umiltà come era sempre vissuto “u zzè dutturi” morì con le ultime parole: “dopo che si era alzato all’alba e dopo essersi intrattenuto alcune ore nello studio, passò nella stanza da letto per radersi la barba.
Erano le 8 improvvisamente le forze gli vennero a mancare e si accasciò su una poltrona. La signora allarmata fece chiamare il medico condotto, dott. Granozzi, il quale accorse in meno che non si dica presso l’infermo. Vedendolo arrivare, Colajanni esclamò queste precise parole ” dottore, paralisi cardiaca, nulla da fare!.” “E reclinò la testa, dolcemente, per non svegliarsi più”. Storia raccontata dal cav. Michele Miccichè, segretario del Comune di Enna e cognato dall’illustre concittadino.
Altro episodio riguarda la prima moglie morta di aborto dopo otto mesi di matrimonio, che questo Comitato con la collaborazione del Col. della GG. FF. Giovanni Liistro, socio onorario del nostro Comitato, riuscì a leggere lo scritto, senza ormai più con le lettere, nella colonnina della tomba al cimitero di Napoleone Colajanni dedicata alla moglie: “Carmela Potenza nei Colajanni fiore di bellezza di modestia carità quanto amore quanta passione consumò la tua flebile vita! 25 anni appena vivesti 10 lunghi anni penasti quando ti ridea finalmente la felicità ti colse straziando la morte oh dolorosa vanità delle cose!”. E auspicabile che l’Amministrazione comunale provvedesse al ripristino delle lettere mancanti.
Ancora una volta insiste questo Comitato sulla proposta di istituire, al livello scolastico, un PREMIO A NAPOLEONE COLAJANNI, per l’importanza divulgativa della sua vita, tra i giovani.

Visite: 187

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI