I sindacati dei medici sul perché dello sciopero

Lo sciopero dei medici fatto per il bene dei pazienti”. Sembra uno slogan ma non lo è. Piuttosto è l’esasperante situazione in cui sono costretti a lavorare i medici, da tempo, con turni di lavoro massacranti e inaccettabili anche e soprattutto nel benessere della cura dei pazienti; con una rete ospedaliera che fa acqua da tutte le parti, con nessuna previsione di stabilità per i precari con contratti a tempo, con una pianta organica insufficiente a coprire le esigenze, e con un Piano di riordino “oscuro”.

Questa mattina (16 dicembre), nella sede dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri di Catania si è svolta una conferenza stampa aperta alle O.S. mediche (erano presenti: Anaao Assomed Sicilia, Cimo, Fesmed, Snami e Smi), per fare il punto sulla pesante situazione di stallo totale in cui la Sanità nazionale e regionale in particolare, vive da troppo tempo, e ribadire le motivazioni che hanno indotto alla manifestazione generale, incrociando le braccia sino alle 24.00 di oggi.

La nostra categoria – ha detto Massimo Buscema, pres. dell’Ordine dei Medici di Catanianon è sostenuta da una governance attenta anzi tutt’altro, c’è una politica assente che rema contro gli interessi dei pazienti; la disorganizzazione della rete ospedaliera non è un problema “interno” ossia dei medici soltanto, perché tocca direttamente i pazienti non seguiti opportunamente”.

Disorganizzazione che si evince dalla mancata e reiterata concertazione con l’Assessorato regionale alla Salute, sordo alla civile protesta delle o.s. mediche e che ha prodotto un Piano di riordino interlocutorio, una Rete Ospedaliera ancora in attesa di definizione, gli Atti Aziendali ancora in fase di esame e personali a tempo determinato in bilico se essere confermato o meno. Da due anni la Regione siciliana non ha rinnovato le coperture assicurative per la tutela dei dipendenti e le strutture ospedaliere hanno dovuto ricorrere a un fondo aziendale per tamponare le denunce.

Motivazioni che trovano l’assenso delle o.s. presenti alla conferenza stampa.

L’Anaao Assomed Sicilia – ha esposto Marina Tumino, vice seg. reg.le del sindacato dei medici dirigentiribadisce con forza le motivazioni che hanno portato allo sciopero: non si possono più tollerare le mancate applicazioni contrattuali; le riduzioni dei fondi sanitari, le attese concorsuali per i precari in cerca di stabilità; non si possono più accettare le gravissime carenze di organico specie nelle emergenze o nelle specialità ad intensità di cura. Non può più perdurare nella mancanza di norma nei turni di lavoro. L’escamotage degli ospedali riuniti, è solo un baluardo ad una mala organizzazione della rete ospedaliera pensata a macchia di leopardo, incurante delle vere esigenze dei pazienti e delle condizioni territoriali”.

Visite: 438

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI