Gogòl a meno di un anno di vita raggiunge il traguardo della Laurea

Gogòl, l’Ambasciatore del Sorriso, a meno di un anno di vita, raggiunge già il bellissimo nonché importantissimo traguardo della Laurea e lo ha fatto lunedì scorso laureandosi nella “sua università” quella del suo territorio la Kore di Enna grazie all’ennese Francesco Di Venti, Dottore in Economia Aziendale, presentando una tesi di laurea dal titolo “La strategia competitiva e sociale d’impresa: Gogòl l’omaggio al sorriso”. E per spiegare questo fenomeno socio economico che ormai è fidelizzato sul territorio, lo ha fatto partendo dalle sue criticità, dalle difficolta morfologiche fino ad arrivare a quelle di migliaia di giovani costretti a partire per le difficili condizioni economiche. Da una provincia come quella di Enna che da decenni si trova fra le ultime posizioni per quanto riguarda i livelli occupazionali, di attrattività degli investimenti, di ricambio generazionale, di contro, si trova a primeggiare per l’alta percentuale di disoccupazione, di analfabetismo, della chiusura di numerose aziende e il non ricambio da parte delle stesse. Una condizione che ha sicuramente “spento” i sogni della popolazione ed in particolare di tanti ragazzi ed imprenditori che non hanno saputo reagire alla grave crisi economica. Ma c’è però chi invece in questo territorio ci crede e crede nel suo riscatto. Come l’imprenditore Mauro Todaro, titolare della New Style adv, un’azienda di marketing e comunicazione che attraverso l’ideazione del progetto “Gogòl sta cercando di infondere attraverso il sorriso quella speranza ed ottimismo di cui ha necessità di trovare una intera comunità. Un’idea soprattutto frutto di quanto questo giovane ma brillante imprenditore ha somatizzato negli anni alla guida della CNA provinciale e della Commissione provinciale dell’Artigianato, dove ha potuto toccare con mano le difficoltà con cui devono convivere quotidianamente le imprese locali e che quindi hanno bisogno anche di affrontare i problemi con ottimismo e speranza. Il “Gogòl” quindi esprime il concetto del dono, che non può essere acquistato, che viene decorato da bambini, disabili e volontari, e che attraverso i tanti rappresentanti coinvolti consegnano questo “Oscar” a persone che si sono distinte in diversi settori, che valorizzano il territorio e che principalmente dimostrano di credere in se stessi e pensano positivo. Loro stessi Eccellenze in vari settori, divengono poi “Ambasciatori” di positività di un territorio. E proprio per questo motivo l’Università Kore sta ponendo molta attenzione sul Gogòl poiché viene ritenuto un simbolo concreto motivazionale di riscatto e ripresa socio economica di tutto il territorio provinciale. Il lavoro della tesi di Francesco Di Venti è stato imperniato proprio sul Gogòl come fenomeno socio economico e l’impatto che ha sulle persone che lo ricevono, il perché è nato, quali sono gli obbiettivi che esso si prefigge, il messaggio che esso trasmette alla collettività e quali soggetti portano avanti questo progetto con determinazione e tenacia. Ma il Gogòl può divenire non solo indirettamente ma anche direttamente opportunità di economica e che può creare lui stesso occupazione per tutte quelle iniziative imprenditoriali che ne nasceranno intorno e motivo di associazione e percezione positiva del territorio.

 

Visite: 875

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI