Gli ennesi Fabio Di Dio e Giovanni Quattrocchi in missione umanitaria in Cambogia “Operazione conclusa positivamente”

Due di loro. E’ così che gli ennesi Fabio Di Dio e Giovanni si definiscono dopo la loro prima settimana di permanenza in un villaggio cambogiano dove si sono recati in missione umanitaria. I due giovani ennesi infatti appoggiandosi ad una Onlu italiana presente da tempo in quel territorio, ha promosso nei mesi scorsi a Enna una campagna di raccolta fondi per acquistare dei filtri per la depurazione dell’acqua del fiume che viene utilizzata da famiglie, grandi e piccini per tutti i tipi di bisogni ma non in condizioni igieniche e sanitarie ideali. E Fabio e Giovanni si sono recati in Cambogia per assistere all’utilizzo di questi filtri. Ma la loro permanenza in particolare tra i bambini si sta trasformando in una esperienza indimenticabile. “Una esperienza di vita che non dimenticheremo mai – raccontano – ormai ci sentiamo perfettamente integrati. Ma non perché ci siamo abituati al loro modo di vivere, ma perché ci siamo calati perfettamente alla loro essenza di vita ovvero viviamo le loro emozioni, le loro gioie, i loro dolori, i loro problemi. E tutto ciò per noi è una sensazione bellissima”. Fabio e Giovanni sono orgogliosi di aver portato a termine la loro missione. “Abbiamo consegnato i filtri – commentano – tra la gioia e gli applausi dei nostri amici. Tutto ciò ci riempie di orgoglio. Ma quello che ci fa maggiormente “gonfiare il petto” e che ci rende fieri è che abbiamo mostrato insieme al nostro amico Gogòl che credere in se stessi e portare avanti una idea, un progetto, un sogno se si vuole è possibile. Ci auguriamo che il nostro possa essere da esempio per tutte le persone che ci hanno seguito e supportato nel nostro progetto. Grazie a Enna ed a tutti gli ennesi. Adesso continueremo nel nostro progetto per conoscere la Cambogia e per nostra scelta lo faremo senza guida perché vogliamo vivere questa esperienza sino alla fine a modo nostro e come dei “Veri Cambogiani”. Vogliamo capire i loro modi, i loro costumi, la loro storia, cosa loro giornalmente passa per la testa, come riescono ad andare avanti malgrado i tanti problemi ma sempre con il sorriso tra le labbra. Ci auguriamo che per noi e non solo per noi possa essere l’inizio di un nuovo mondo di sorrisi perché sorridere è bello ma farlo insieme lo è ancora di più”.

 

 

Visite: 473

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI