Forza Italia Sicilia su ricetta Berlusconi

“L’azione dei governi di Crocetta e di Renzi sta avendo risultati disastrosi sulla nostra Isola, su una Sicilia che vanta oggiAggiungi un appuntamento per oggi il record negativo di disoccupazione giovanile (70%), su una terra in cui la mortalità delle imprese ha raggiunto livelli drammatici e la povertà è all’ordine del giorno. Forza Italia, partito di maggioranza relativa nel centrodestra siciliano, ha la ricetta utile a risalire la china, per dare ai nostri figli una possibilità reale di riscatto”, lo ha dichiarato il senatore Vincenzo Gibiino, coordinatore regionale di Forza Italia in Sicilia, a margine dell’intervento telefonico di Silvio Berlusconi alla convention azzurra in corso a Catania.

“La Sicilia ha bisogno di un governo credibile, di persone capaci, di un programma chiaro e condiviso dagli elettori, attraverso momenti di valutazione e di verifica – prosegue Gibiino –.  Trasparenza e determinazione per il cambiamento a Palermo come a Roma. Silvio Berlusconi propone una flat tax al 22% con l’obiettivo di riavviare i consumi, la cancellazione delle tasse sulla casa e sulle successioni, dell’Irap che strangola le imprese. Meno tasse ma anche meno Stato e meno burocrazia e un’Europa di non sola austerity. Forza Italia disegna un futuro nel quale sia aiutato chi è rimasto indietro, ad esempio con l’aumento delle pensioni minime, le pensioni alle mamme, un Paese più sicuro con la mobilitazione per le strade anche dell’esercito, e con una giustizia più giusta, a partire dalla separazione delle carriere e dall’inappellabilità delle sentenze d’assoluzione di primo grado”.
FORZA ITALIA SICILIA. COSTANZA CASTELLO (FI): SQUADRONE AVVOLTOI ATTACCA GIBIINO PER FERMARE IL RINNOVAMENTO
“I continui attacchi rivolti a mezzo stampa al coordinatore regionale di Forza Italia, Vincenzo Gibiino, da parte di alcuni esponenti siciliani del movimento, sono frutto di un tentativo malsano di fermare il rinnovamento interno, la creazione di una nuova classe dirigente, fortemente voluto da Silvio Berlusconi. Un cambio di marcia che lo ‘squadrone avvoltoi’ sta violentemente avversando, cercando di delegittimare un coordinatore, divenuto nemico numero uno, che porta avanti con determinazione il progetto del nostro Presidente”, lo dichiara Costanza Castello, vice coordinatore regionale di Forza Italia in Sicilia a margine dell’intervento del presidente Berlusconi all’iniziativa azzurra a Catania.
“Ciò che accade oggiAggiungi un appuntamento per oggi accadeva anche ieri, quando gli attacchi dello ‘squadrone avvoltoi’ furono rivolti a me, allora responsabile dei Club in Sicilia – prosegue Costanza Castello –. Berlusconi mi chiese di selezionare giovani volenterosi e meritevoli, ai quali potere affidare ruoli di coordinamento, per fare ripartire anche dalla base la macchina azzurra, resa quasi immobile da chi temeva e teme il nuovo, da coloro che hanno paura di perdere posizioni di privilegio. Le nomine dei coordinatori provinciali dei Club, che condivisi con Gibiino e con Fiori nel luglio del 2014, vennero infatti fermate nottetempo su pressione dei soliti parrucconi siciliani, e io stessa fui messa fuori gioco. Lo ‘squadrone avvoltoi’ punta a frenare il cambiamento e lo fa spesso minacciando di lasciare il partito, disegnando scenari catastrofici, senza avere reale rispetto del nostro Presidente e del suo progetto, e senza avere una linea coerente, arrivando persino ad aderire alle primarie del principale avversario politico, come nel caso Agrigento. Il male di Forza Italia sono proprio queste stesse persone, che sono ancora nel nostro partito per volere di Verdini, ma pronte ad uscire al suo segnale, inadeguati intermediari tra Berlusconi e il suo popolo”.
Visite: 370

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI