Forza Italia Sicilia su associazioni Disabili di Palermo

“Ho preso parte convintamente all’iniziativa ‘Gli invisibili diventano visibili’, scendendo in piazza stamane insieme ad alcune centinaia di cittadini, molti dei quali disabili, per testimoniare la difficoltà di decine e decine di organizzazioni onlus, che da anni si occupano di progetti socio-educativi per disabili gravi e gravissimi in età adulta nel palermitano, vergognosamente abbandonate a loro stesse dalle Istituzioni”, lo ha dichiarato l’on. Vincenzo Figuccia, vicecapogruppo di Forza Italia all’Ars e commissario azzurro per la provincia di Palermo, al decimo giorno di sciopero della fame contro una legge finanziaria totalmente disattenta nei confronti delle fasce deboli, dei lavoratori precari e disoccupati.

“Dal 2012 le organizzazioni che oggiAggiungi un appuntamento per oggi hanno protestato civilmente di fronte a Palazzo delle Aquile, non hanno più avuto finanziamenti pubblici, ed hanno proseguito la propria opera, in aiuto di tante famiglie palermitane, grazie al sostegno del terzo settore – prosegue Figuccia -.  Difficoltà straordinarie ma quotidiane, quelle espostemi da Salvatore Crispi responsabile del coordinamento H siciliano e da Fiorella Canfora, responsabile della Rete dei centri socio-educativi per disabili a Palermo. Sui finanziamenti il Comune di Palermo e la Regione siciliana giocano allo scaricabarile, sostenendo che le risorse siano disponibili, ma gettandosi addosso la responsabilità di una situazione paradossalmente immobile, dai risvolti drammatici per i cittadini più deboli. Predisporrò a breve un’interrogazione all’assessore alla Famiglia per porre fine a questo rimpallo di responsabilità. Il nodo sia sciolto quanto prima, per una questione di giustizia sociale e di civiltà”.
ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SICILIA. FALCONE (FI): CROCETTA REVOCHI IL COMMISSARIAMENTO ILLEGITTIMO. LA SCELTA SPETTA AL MINISTERO
“Ancora un pasticcio a firma Crocetta, l’ennesimo dei tanti che stanno portando la nostra Sicilia, passo dopo passo, ad un punto di non ritorno. Il governatore, contravvenendo a quanto disposto dalla legge di Stabilità nazionale, ha infatti commissariato l’Istituto Zooprofilattico siciliano fuori dai tempi consentiti e soprattutto, senza emanare una legge di riordino dell’ente, condizione indispensabile posta da Roma. Mancando le premesse previste dalla legge, la nomina spetta al ministero della Salute. Crocetta, inadempiente e fautore di un provvedimento illegittimo, faccia marcia indietro e revochi il commissario. L’Istituto Zooprofilattico siciliano, realtà fondamentale per garantire il corretto funzionamento della filiera alimentare e zootecnica, che opera per la salvaguardia della nostra salute, non sia destinato al caos”, così l’on. Marco Falcone, capogruppo di Forza Italia all’Ars.
MILIARDO EVASO. FALCONE (FI): SIA RECUPERATO SUBITO E SI SCONGIURI AUMENTO BUCO DI BILANCIO
“Premesso che la lotta all’evasione fiscale è un dovere delle Istituzioni, a tutela dei cittadini onesti e delle casse pubbliche, prendiamo atto con favore di quanto riferito dal presidente della Regione Crocetta e da Riscossione Sicilia, in merito all’individuazione di tasse evase per un miliardo di euro, da parte di contribuenti già individuati. Chiediamo ora al governo regionale, constatata la patologia, di attivarsi affinchè venga messa subito in atto la terapia, recuperando nel minor tempo possibile ciò che è stato evaso, evitando altresì che dopo il danno si consumi la beffa. Il miliardo in questione consentirebbe di coprire la sovrastima in entrata di bilancio, evitando di incrementare ulteriormente un buco già a dir poco impressionante”, così l’on. Marco Falcone, capogruppo di Forza Italia all’Ars.
Visite: 674

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI