Federfarma Palermo, operazione Farmagate

Palermo, 23 dicembre 2014 – “Nel ribadire apprezzamento per l’iniziativa del manager dell’Asp Antonio Candela e piena fiducia nell’operato della magistratura che ha portato a termine l’operazione ‘Farmagate’, non possiamo non evidenziare che da tempo ci confrontiamo con l’Asp Palermo per l’attivazione congiunta di strumenti informatici che possano consentire, in tempo reale, il controllo sulla distribuzione dei presidi sanitari e l’immediata evidenza di ogni tipo di anomalia, evitando il verificarsi di situazioni, come la

duplicazione di pratiche e la formazione di falle nelle procedure, nelle quali possano infiltrasi casi di malaffare come quelli evidenziati da questa indagine”.

Lo sostiene Roberto Tobia, presidente di Federfarma Palermo-Utifarma, che aggiunge: “Confermiamo la massima collaborazione con gli inquirenti per l’accertamento della verità, dopo che noi stessi, nello scorso mese di novembre, avevamo presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Palermo riguardante alcuni casi di pratiche duplicate o verosimilmente contraffatte e da noi immediatamente segnalate”.

Spiega Tobia: “Secondo noi è utile, efficace e immediato adottare lo strumento informatico che già viene utilizzato nella maggior parte delle province italiane (e per la dispensazione dell’ossigeno terapeutico anche dalla Asp di Palermo), strumento che potrebbe essere utilizzato per la distribuzione dei presidi anche a livello regionale”.

Infatti – prosegue il presidente di Federfarma Palermo-Utifarma – ne ho riparlato in queste ore con l’Assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, che ha condiviso la necessità di una stretta collaborazione fra Regione, Asp e Farmacie per rendere più stringenti i controlli sulla spesa e sulla distribuzione dei presidi in Sicilia”.

Proprio ieri sera – annuncia Tobia – il presidente di Federfarma Sicilia Franco Mangano ha firmato un accordo con l’assessore Borsellino che consentirà entro pochi mesi l’attivazione di una piattaforma informatica per il controllo, in tutta la Sicilia, della dispensazione dei presidi per diabetici”.

Per questo – conclude Tobia – mi auguro che si possa proseguire insieme, a tutela della legalità e della trasparenza, alla realizzazione di progetti informatici a livello regionale e provinciale”.

Visite: 1041

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI