Ex Provincia. Non si può morire così

Ex Provincia. Non si può morire così

I sindacati e le Rsu hanno incontrato la commissione dei capigruppo e il Sindaco Dipietro

Ex Provincia. Non si può morire così

10
dic
2018

A sostegno della vicenda della ex Provincia di Enna, che rischia il dissesto di Stato e di Regione sia per mancanza di trasferimenti sia per il prelievo forzoso da parte del Governo centrale è intervenuto, con una nota stampa, il coordinatore di Articolo Uno MDP, Lillo Colaleo che esorta una grande mobilitazione e un sostegno da parte di tutti a difesa del nostro territorio. A stimolare l’intervento del coordinatore le ultime notizie della commissione bilancio dell’ Ars che ha stanziato appeno 4 milioni di euro agli Enti, di cui 2 a Siracusa decretandone di fatto il fallimento. ” Per Enna, scrive Colaleo, in pratica, un disastro e l’anticamera del fallimento: preoccupazioni in più per i dipendenti provinciali e per le loro famiglie ed un aumento terrificante dei disservizi che fanno capo all’ente provinciale e che inevitabilmente ricadranno sulla testa dei cittadini dell’ennese. Una settimana fa avevamo lanciato un invito pubblico: incontriamoci tutte le forze costituzionali in questo territorio per organizzarci e promuovere una resistenza civile e politica in ottemperanza all’appello dell’ANPI nazionale. In tanti avete risposto in maniera positiva dimostrando che, al di là degli schieramenti, c’è un’area vasta che condivide gli stessi sentimenti e le stesse preoccupazioni politiche sul momento che stiamo attraversando. Continueremo per questo in questa direzione: ci muoveremo sicuramente, organizzando prossimamente una grande assemblea provinciale. Ma dinnanzi alle notizie che ci giungono dalla Regione è necessario fare di più: uniamoci per questo territorio. Le famiglie di questa provincia meritano molto più di questa mortificazione, meritano molto più dell’abbandono, meritano molto più della povertà ed insignificanza come condizione esistenziale di vita. Meritano un’esistenza libera e dignitosa. Emigrare non può essere l’unica soluzione, bisogna lottare e bisogna farlo tutti insieme. L’assemblea dobbiamo farla pure per questo: da una parte per organizzare la resistenza di una cultura che risulti ancorata ai valori costituzionali, dall’altra lottare per un’esistenza libera e dignitosa per le nostre comunità. Civiltà e persone. Abbiamo un territorio, in cui siamo nati e cresciuti. Difendiamolo”.

Intanto, una rappresentanza delle organizzazioni sindacali e delle RSU della ex Provincia è stata sentita dalla commissione consiliare dei capigruppo alla quale era presente anche il Sindaco di Enna, Maurizio Dipietro. Il Sindaco e i capigruppo si sono impegnati ad organizzare un Consiglio straordinario allargato da tenersi all’Ars per dire no alla fine dell’Ente. 

Visite: 275

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI