Ennesima iniziativa della O.n.G. “Luciano Lama” in collaborazione con l’Università Kore di Enna

Ennesima iniziativa della O.n.G. “Luciano Lama” in collaborazione con l’Università
Kore di Enna

Il prossimo 20 novembre, accompagnata dal presidente della O.n.G. “Luciano Lama”, Giuseppe Castellano, giungerà ad Enna una delegazione di trenta studenti universitari provenienti dagli atenei della Bosnia Erzegovina per partecipare ad un ciclo di seminari, organizzato dalla Università Kore di Enna.
Tali seminari, i primi dell’anno accademico 2017/18, saranno orientati allo sviluppo e all’approfondimento della lingua e della cultura italiana, con un particolare contributo alla Sicilia, e indirizzati ai Paesi extracomunitari ed in via di sviluppo, ad iniziare dalla Bosnia Erzegovina, teatro di una sanguinosa guerra.
Il ciclo di incontri avrà la durata di dodici giorni complessivamente e nello specifico affronterà una serie di importanti tematiche, tra cui quella di cultura generale, letteratura della Sicilia, della storia, dell’arte, del nostro inestimabile ed immenso patrimonio archeologico greco e romano e delle tradizioni popolari.
In Bosnia Erzegovina l’iniziativa è stata curata dall’Ambasciata Italiana di Sarajevo, attivamente impegnata nella ricerca e nella selezione degli studenti delle tre maggiori università bosniache (Sarajevo, Mostar e Banja Luka), i quali parteciperanno all’iniziativa, anche in veste di rappresentanza delle diverse etnie del territorio.
Grande fermento presso l’Università Kore, che peraltro non è nuova a simili iniziative verso quel Paese. Porte aperte da parte del Presidente Salerno ed impegno straordinario della Direttrice del Centro Linguistico Prof.ssa Marinella Muscarà, i quali accoglieranno la delegazione di studenti che per la prima volta varcheranno le porte del nostro Paese, presso l’auditorium di interfacoltà dell’Ateneo ennese.
A tal riguardo la Prof.ssa Muscarà dichiara: “siamo fieri ed orgogliosi di potere dare un contributo significativo al processo di riconciliazione nazionale di quel Paese, così duramente provato da una guerra fratricida, attraverso la conoscenza della cultura mediterranea della nostra Sicilia. Certamente sarà una esperienza interessante, continua la Prof.ssa, anche per noi interloquire e dialogare con i rappresentanti di un Paese, quale la Bosnia Erzegovina. La stessa servirà ad arricchire ulteriormente il bagaglio di conoscenze interculturali dell’Ateneo Ennese”.
Sono inoltre impegnate tutte le organizzazioni studentesche dell’ateneo, senza alcuna distinzione politico-culturale, le quali si apprestano ad accogliere i loro colleghi bosniaci e ad accompagnarli in tutto il percorso seminariale. L’iniziativa sarà occasione per dare inizio ad un vero e proprio interscambio tra le due realtà studentesche. Quindi, in un prossimo futuro saranno gli studenti della Kore a cimentarsi in una nuova esperienza con gli atenei di quel Paese.
Durante il soggiorno la delegazione sarà ospite di diverse industrie locali e di alcune istituzioni, come il Comando Provinciale della Guardia di Finanza, il quale Comandante Col. Licari terrà, nella caserma del corpo, una lezione sui sistemi fiscali e finanziari del nostro Paese, in uno con il processo di globalizzazione dell’economia e della politica in corso.
Grande soddisfazione anche da parte della O.n.G. “Luciano Lama”. Il presidente Giuseppe Castellano ci ha dichiarato: “questa ennesima iniziativa socio-culturale rappresenta un momento significativo non solo per i rapporti con le popolazioni della Bosnia Erzegovina, ma anche per l’alto valore culturale che in essa viene espresso. Sarà occasione inoltre di confronto tra diversi sistemi di insegnamento e di commistione delle due entità culturali, ma anche di crescita e di conoscenza della cultura della Sicilia all’estero”.
Alla manifestazione di apertura del progetto parteciperanno il Presidente della Kore Prof. Cataldo Salerno, l’Ambasciatore della Bosnia Erzegovina in Italia S.E. Dott. Josip Gelo, i rappresentanti delle organizzazioni studentesche dell’Ateneo ennese, i dirigenti della “Luciano Lama”. E’ previsto per le ore 11,00 di martedì 21 novembre, un collegamento in videoconferenza con l’Ambasciatore d’Italia in Bosnia Erzegovina S.E. Dr. Nicola Minasi. I seminari saranno curati dalla direttrice del Centro Linguistico Prof.ssa Muscarà e da uno staff di docenti.
La delegazione degli studenti universitari bosniaci farà rientro in sede nei primi di dicembre portando nel Paese di provenienza una esperienza che, per molti di loro, resterà indimenticabile.
Intanto, a breve avrà inizio la 50^ accoglienza natalizia per 350 bambini della Bosnia Erzegovina, ospitati nelle famiglie di otto regioni del nostro Paese.

Visite: 280

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI