Enna venerdì inaugurato il Murale in ricordo di Giovanni Bonaventura

“A Giovanni piaceva sempre che il clima intorno a lui fosse sempre quello di festa e allegria e quindi anche oggi vogliamo che sia cosi”. A dirlo è stato ieri venerdì 5 aprile, il padre di Giovanni Bonaventura il giovane ingegnere ennese scomparso a 31 anni poco più di un anno fa in un incidente sulla neve al Sestriere, nel corso della cerimonia di inaugurazione del grande Murale di circa 250 metri quadrati, realizzato su una parete di un palazzo in viale delle Olimpiadi a Enna bassa da due artisti nisseni, sulla falsa riga di quello che gli stessi, hanno realizzato sempre in sua memoria nello scorso novembre a Torino. Il murale è stato fortemente voluto dai suoi tantissimi amici ennesi in particolare ma anche dalla famiglia. E per questo importante momento tantissima la gente presente, parenti ma sopratutto suoi amici ennesi e non, venuti non solo da Torino o da altre città italiane anche d’oltralpe come un suo amico arrivato direttamente da Bruxelles. Anche il meteo è voluto essere clemente per questo momento fortemente emozionante, visto che dalle 18,30 pioggia, vento e nebbia sono letteralmente scomparse. Numerose le persone che hanno voluto ricordarlo, dal parroco di Sant’Anna Giuseppe Fausciana che dopo la benedizione ha evidenziato proprio questa grande voglia di vivere di Giovanni al fratello Luigi alle sorelle alla sua compagna, al papà ai due due street artist Maurizio Giulio Rosk Gebbia e Mirko Loste Cavallotto. “Nel nostro percorso professionale abbiamo fatto tantissimi lavori – hanno detto i due non poco emozionati – ma il trasporto emotivo sia per quello di Torino che per questo è stato molto forte
un lungo video sull’evento lo potrete trovare sulla pagina Facebook dell’Associazione di Quartiere A Chiazza.

Visite: 373

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI