Enna, venerdì prossimo al Cinema Grivi il Docufilm “Cose di Donne”

PRESENTAZIONE DEL DOCU-FILM ‘COSE DI DONNE’ ENNA, CINEMA GRIVI 7 LUGLIO 2016, H. 18.30
Il Cinema Grivi, le associazioni ennesi Accademia Pergusea, Club per l’Unesco, Delegazione FAI, Siciliantica, SicilyErei e il ‘Distretto Turistico Dea di Morgantina’, in collaborazione con il Museo Regionale Interdisciplinare di Enna, presentano – per la prima volta a Enna – il docufilm “Cose di donne”, prodotto nel 2015 da “Fine Art Produzioni s.r.l.” di Augusta (Sr).  L’evento, patrocinato dal Comune di Enna, dalla ‘Fondazione Museo Civico di Rovereto’ e dalla rivista ‘Archeologia Viva’, si terrà giorno 7 Luglio 2016 alle h. 18.30 al Cinema Grivi di Enna, con ingresso libero.  Saranno presenti alla proiezione il regista Lorenzo Daniele e la sceneggiatrice Alessandra Cilio, che racconteranno la genesi del loro lavoro. Interverrà anche Dario Di Blasi, Direttore della Rassegna del Cinema Archeologico di Rovereto. Presentato in anteprima nazionale lo scorso Ottobre alla XXVI Rassegna del Cinema Archeologico di Rovereto, prestigiosa manifestazione internazionale dove è stato vincitore della Menzione Speciale ‘Archeoblogger #archeologialcinema’, da Febbraio il film è in tour per raccontare le storie intense ed emozionanti di sette donne siciliane contemporanee, tra cui la famosa fotografa Letizia Battaglia e la scrittrice Simonetta Agnello Horby. Domina lo sfondo di queste storie appassionate l’immagine potente della figura femminile nella Sicilia antica, la Dea Madre alla base della religiosità di ogni civiltà mediterranea, simbolo di fertilità e di forza generatrice.  Ampio spazio è dedicato nel film alla provincia di Enna per gli ovvi riferimenti al culto di Demetra/Cerere e Persefone/Proserpina, ampiamente attestato nei siti archeologici del territorio provinciale, e al mito del ratto di Proserpina, ambientato dalle fonti letterarie antiche nei pressi del lago di Pergusa. La scelta di realizzare la manifestazione nel periodo delle celebrazioni per la Santa Patrona, Maria SS. della Visitazione, è legata alla volontà di evidenziare il forte legame tra l’antico culto pagano per Demetra/Cerere e quello cristiano per la Madonna, che del primo rappresenta senza ombra di dubbio un retaggio.

Visite: 590

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI