Enna un cittadino lamenta mal funzionamento dell’ufficio anagrafe: l’Assessore Scillia tutto secondo a norma di legge

Ecco la storia raccontata da un ennese Salvatore Salerno riguardo alla richiesta negli uffici comunali del rinnovo della Carta di Identità della figlia

“Odissea al Comune di Enna stamattina per un semplice rinnovo della carta d’identità. Uffici anagrafe di Enna Bassa e Monte chiusi. Si va solo all’ufficio in Piazza Vittorio Emanuele. Allo sportello ci vuole la prenotazione, assurdo. Mia figlia deve partire dopodomani, allora forse si può fare. Ci vuole il biglietto aereo, bene c’è sullo smartphone, no ci vuole la stampa. Cartoleria Buscemi chiusa, di nuovo negli uffici del Comune, non possono stampare, ci vuole la pec, bene c’è la pec per una mail al Comune che riproduca la carta d’imbarco. Ma c’è bisogno dell’autorizzazione di qualcuno dentro l’ufficio, vada lì, vada là. Tre uffici diversi, non si parlano fra loro dentro lo stesso edificio. Fila, niente posteggi, gente anziana, scale, non c’è l’ascensore, vietato l’ingresso per eventuali disabili. Niente rinnovo, mia figlia non chiama i carabinieri e mi riferisce l’episodio solo adesso. Il Sindaco ha qualcosa da dire?”

L’assessore Biagio Scillia interpellato ci dichiara che ormai le carte di identità sono solo elettroniche e per farle serve una precisa prassi normata dal Ministero degli Interni. Per avere la carta, passano non meno di 6 giorni poiché deve essere spedita dalla Zecca. Per quanto riguarda il carattere d’urgenza come quella in oggetto le normative valide su tutto il territorio nazionale dicono che per motivarlo il richiedente deve allegare il biglietto aereo cartaceo. Quindi secondo Scillia gli uffici comunali si sono attenuti fedelmente alle disposizioni di legge.

Visite: 657

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI