Enna, teatro Garibaldi, “Sul filo della memoria” con Kaballà e Antonio Vasta

La Sicilia nella narrativa italiana del ‘900 non solo come tema, ma come realtà storica, geografica e culturale. Dal quel mondo contadino al lavoro nelle miniere, dall’ambiente borghese che celebra il rito della passeggiata e il linguaggio degli sguardi, ai fasti e le decadenze, sono tutti elementi di un mondo che vive in stretta relazione con l’ambiente circostante, il clima, il paesaggio a volte arido a volte lussureggiante, le ricche architetture barocche e le povere case di campagna. Sono le storie narrate dal “Versimo” di Verga, Capuana e De Roberto, espressione di una sicilianità che trova con-tinuità nelle opere di Pirandello, Tomasi di Lampedusa, Vittorini, Brancati, fino a Bufalino, Sciascia e Consolo. Sabato 27 febbraio alle ore 20.30 il Teatro Garibaldi di Enna ospita, per la stagione firmata da Mario Incudine e organizzata grazie alla sinergia tra il Comune e l’Università Kore, “Viaggio immaginario nella Sicilia della memoria” l’omaggio dell’eclettico musicista siciliano Pippo Kaballà accompagnato dal pianista e fisarmonicista Antonio Vasta.

Partendo dall’interpretazione della storia della Sicilia come susseguirsi d’invasioni e inganni, fino all’illusione e la delusione del nuovo stato unitario e alla convinzione che la diversità storica dell’isola è incolmabile e il suo destino ineluttabile, “Viaggio immaginario nella Sicilia della me-moria” si propone come uno spettacolo di contaminazione fra note, parole e suggestioni visive. Un modo singolare di coniugare musica colta e popolare, poesia e letteratura, cinema e teatro. Un lavoro che espande i confini del concerto verso altri territori artistici, raccontando anche attraverso l’uso del dialetto una Sicilia sempre protagonista, prepotente, dolce, aspra e sapiente.

Tra le sue canzoni riarrangiate in modo essenziale e raffinato, che sfiorano i confini del jazz e della word music, Kaballà rilegge brani di poesia e prosa che spesso lo hanno ispirato – da Sciascia a Pi-randello, da Consolo a Brancati – mentre su uno schermo scorrono immagini di grande suggestione, brani di film storici da Visconti ai Fratelli Taviani, da Straub e Huillet all’Istituto Luce, sapiente-mente montati da Sebastiano Gesù, critico cinematografico e docente di storia del cinema all’Università di Catania. Tutto questo per narrare di una terra, un popolo, un “modus vivendi” dove la canzone diventa presupposto per un viaggio immaginario sul filo della memoria.

Kaballà, al secolo Pippo Rinaldi, è un compositore siciliano che vive e lavora a Milano da moltissimi anni. La lontananza dalla Sicilia lo ha portato a cercare “un ponte di pietra lavica” che lo riportasse ai luoghi della memoria, così ha intrapreso un percorso alla ricerca di contaminazioni di stili musicali, ispirazioni letterarie e dialetto siciliano. Nonostante la pubblicazione di numerosi album, Kaballà si è affermato anzitutto come autore, collaborando con artisti del calibro di Eros Ramazzotti, Vario Venuti (è coautore di “Crudele”), Antonella Ruggiero, ma anche Alessandra Amoroso, Alex Britti, Carmen Consoli, Patrizia Laquidara, Cesare Malfatti (La Cruz), Mietta, Musica Nuda, Nicky Nicolai, Noemi, Anna Oxa, Raf, Ron, Valerio Scanu, Paola Turci, Nina Zilli e tantis-simi altri. Fin dall’inizio della sua carriera Kaballà ha avuto l’opportunità di farsi notare come autore anche nel mondo del cinema, ed ha avuto anche alcune insolite incursione nel campo del musical e della televisione. Pur vagabondando in molteplici direzioni musicali, Kaballà continua comunque a mantenere vivo il legame artistico e culturale con la sua terra d’origine, mantenendo intatto il suo personalissimo stile degli esordi fatto di un’interessante miscela di pop, canzone d’autore e sonorità etniche abbinate a testi, spesso in lingua siciliana, molto curati e intensi e non di rado arricchiti da numerosi riferimenti letterari. Dal 2015 ha un contratto di esclusiva editoriale con la Sugar di Cate-rina Caselli.

VIAGGIO IMMAGINARIO NELLA SICILIA DELLA MEMORIA

Kaballà voce

Antonio Vasta pianoforte acustico e fisarmonica

INFORMAZIONI

Inizio spettacolo ore 20.30

Singolo biglietto da 20 a 12 euro, acquistabili presso il botteghino del Teatro Garibaldi (apertura da lunedì a venerdì h 9-12, lunedì e mercoledì anche h 15-18) o su Liveticket.it
Per informazioni e prenotazioni: tel. 093540540 – 40560
teatrogaribaldi@comune.enna.it

I PROSSIMI SPETTACOLI AL TEATRO GARIBALDI DI ENNA

4 marzo 2016 musica

FAUSTO MESOLELLA

CantoStefano

 

5 marzo 2016 cinema

FUORI COLONNA

 

12 marzo 2016 prosa

LA TRAVIATA DELLE CAMELIE da A. Dumas e G. Verdi

Con DARIO VERGASSOLA E DAVID RIONDINO

 

13 marzo 2016 teatro ragazzi

IL MERAVIGLIOSO MAGO DI OZ

 

19 marzo 2016 prosa

AMA IL PROSSIMO TUO di e con Marco Baliani

30 marzo 2016 Odissea

ODISSEA – UN RACCONTO MEDITERRANEO

AMANDA SANDRELLI

La ninfa Calipso (Canto V) Regia di Sergio Maifredi

9 aprile 2016 Odissea

ODISSEA – UN RACCONTO MEDITERRANEO

GIUSEPPE CEDERNA

Odisseo nell’isola dei Feaci (canto VI e VIII) Regia di Sergio Maifredi

13 aprile 2016 danza

OPENING NIGHT SCRATCH #1

Preludi notturni in danza e poesia, coreografia Emma Scialfa

 

15 aprile 2016 musica

MAURO ERMANNO GIOVANARDI

Il mio stile (Premio Tenco 2015)

16 aprile 2016 cinema

FUORI COLONNA

22 aprile 2016 prosa

GIULIO CESARE di W. Shakespeare

Regia di Nicola Alberto Orofino

Con Alessandra Barbagallo, Egle Doria, Alice Ferlito, Cinzia Maccagnano

23 aprile 2016 Questioni di Cinema

DANIELE CIPRI’

Conduce Ornella Sgroi

 

27 aprile 2016 evento speciale, fuori abbonamento

STEFANO BOLLANI E VALENTINA CENNI

La regina Dada

3 maggio 2016 prosa

LEI E LEI di e regia Giampiero Cicciò

Con GIAMPIERO CICCIO’ E FEDERICA DE COLA

7 maggio 2016 cinema

FUORI COLONNA

13 maggio 2016 musica

MUSICA NUDA

Petra Magoni e Ferruccio Spinetti

16 maggio 2016 Questioni di Cinema

MARIA SOLE TOGNAZZI

Conduce Ornella Sgroi

Visite: 789

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI