Enna Sindacati Inquilini su nuovi accordi territoriali

Giorni fà si sono riuniti i vertici provinciali di Sunia, Sicet, Uniat e Uppi, per fare il punto sulla situazione in merito alla nuova convenzione per la realizzazione degli accordi territoriali, per la stipula dei contratti di locazione “cosiddetti” a canone concordato, da cui discendono una serie di agevolazioni fiscali, nazionali e locali, introdotti dalla L. 431/98 art 4.
In tali contratti, l’importo del canone d’affitto è stabilito, appunto, attraverso gli accordi territoriali, frutto della contrattazione tra i sindacati degli inquilini e della proprietà.
Per quanto riguarda il Comune di Enna, l’accordo è stato rinnovato, esattamente tre anni orsono, quindi c’è solo da inserire le novità previste dalla nuova convenzione , che giova ricordare, sono: l’introduzione della possibilità, per le parti contrattuali, di richiedere l’attestazione alle organizzazioni firmatarie, della conformità del contratto a quanto previsto nell’accordo territoriale, l’estensione dei contratti per studenti anche a coloro che seguono master, dottorati, specializzazione e perfezionamenti.
Ma la novità cardine per la nostra provincia è che si possono fare accordi territoriali anche negli altri Comuni che non sono negli elenchi di quelli cd “ad alta tensione abitativa”, superando di fatto un problema di inserimento a tali elenchi, cosa che abbiamo più volte sollecitato negli anni scorsi.
In merito a questa possibilità, che apre scenari inediti e interessanti per la nostra provincia, abbiamo invitato, con l’invio di una lettera congiunta, alcuni tra i Comuni più grossi come Piazza Armerina, Barrafranca Leonforte e Nicosia, ad intraprendere insieme, un percorso per aprire un tavolo tecnico per confrontarsi con le associazioni sindacali, in merito alle svariate possibilità e convenienze per i cittadini che la nuova Convenzione Nazionale offre.
Purtroppo, dobbiamo registrare una totale assenza e noncuranza da parte dei Comuni che sono sordi alle nostre sollecitazioni , dunque all’inizio di luglio se non verremo convocati, procederemo all’autoconvocazione così come prevede il Decreto del Ministero Delle Infrastrutture e Dei Trasporti pubblicato in GU n. 62 del 15/03/2017,che recepisce la Convenzione Nazionale sottoscritta presso il Ministero, in data 25 ottobre 2016 .
Noi siamo, fiduciosi che qualcosa muoveremo anche a livello locale, e ribadiamo la nostra totale disponibilità per lavorare insieme ai Comuni per affrontare al meglio il disagio abitativo, offrendo una maggiore e più conveniente offerta abitativa nel privato, ma anche sul fronte dell’edilizia popolare , con l’istituzione di un Osservatorio che tenga conto delle esigenze e della domanda, soprattutto tra le fasce meno abbienti.

Sunia – Cgil Sicet – Cisl Uniat – Uil
Giovanna D’Alia Angelo Assennato Mario La Rosa

Uppi
Luigi Scavuzzo

Visite: 89

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI