ENNA. Si rivitalizza il centro storico cittadino con l’apertura di nuove attività commerciali.

ENNA. Si rivitalizza il centro storico cittadino con l’apertura di nuove attività commerciali.

In questi ultimi anni si sono viste spegnere tante luci di vetrine di attività commerciali, specie nel centro storico. Adesso qualcosa sta cambiando e qualche spiraglio di luce si vede all’orizzonte… col riaccendersi di qualche nuova insegna. C’è chi, per fortuna, guarda lontano con fiducia e scommette sul futuro, aprendo nuove attività o rinnovando quelle esistenti. E’il caso di Paolo Presti (nella foto) che nei giorni scorsi ha riaperto – dopo la chiusura per lavori di ampliamento – il suo negozio d’abbigliamento di via Roma n.277.
“PrestiUomo si trova in quella strada cosiddetta “Dà Balata a San Tommaso”, dove fin tutto il Novecento c’era una “folla” di negozi d’ogni genere e un gran numero di botteghe artigiane (sarti, calzolai, barbieri, ecc.), poi scomparsi, anno dopo anno… una emorragia inarrestabile.
Le origini del negozio risalgono ad oltre 90 anni fa. Da una rinomata sartoria, fondata nel 1926, nasce il negozio “PrestiUomo”, da annoverarsi tra gli esercizi commerciali di tradizione della città. Continua, da tre generazioni, il rapporto speciale con l’affezionata clientela basato sulla fiducia. Alla tradizione si accompagna esperienza e competenza del titolare Paolo Presti. L’accurata selezione di aziende del settore di abbigliamento ed accessori uomo hanno da sempre contraddistinto il Negozio, che propone capi d’alta qualità per i giovani, attenti al trend della moda, ed anche per l’uomo moderno che veste sportwear o classico dal gusto ricercato.
“PrestiUomo”, adesso si presenta in una nuova veste con una nuova luminosa vetrina e con l’annesso locale, dove fino a pochi mesi fa vi era la storica “Merceria Presti”.
Gli ambienti economici ennesi (associazione di categorie in testa), si sono dichiarati fiduciosi, perché con questa inversione di tendenza, con le nuove aperture che stanno rivitalizzando il centro storico cittadino, una luce sembra apparire in fondo al tunnel.
Il taglio del nastro è avvenuto nei giorni scorsi con l’intervento di frà Massimiliano Di Pasquale, padre guardiano del convento di San Francesco d’Assisi, che ha benedetto il nuovo locale.

Visite: 1711

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI