Enna Settimana Santa. Il Collegio dei Rettori “La presenza dei volontari dell’Ente Corpo Protezione Civile è indispensabile”

Un incontro tra volontari e rettori delle confraternite questa mattina, nella sede dell’Ente corpo volontari protezione civile Enna, per chiarire alcune polemiche sollevate in questi giorni in città.

“Abbiamo ribadito”, fanno sapere i volontari, “che la nostra presenza non è dettata da manie di protagonismo, così come ha azzardato qualche ennese, ma quasi obbligatoria visto che sono oramai anni che, le normative in materia, prevedono e, per certi versi, obbligano gli organizzatori di qualunque evento che superi un certo numero di spettatori ad effettuare un piano di sicurezza denominato per maxi eventi.”

Ferdinando Scillia, Massimo Caceci, Gaetano Di Venti e William Tornabene, presenti alla riunione, hanno sottolineato non solo l’esigenza della presenza dei volontari che, per altro, sarà potenziata quest’anno, ma anche la loro utilità in alcuni snodi della processione.

Nel corso della riunione il rettore del SS. Salvatore, Gaetano Di Venti, ha fatto richiesta della presenza dei volontari anche all’entrata e all’uscita del fercolo presso la chiesa della confraternita perché la manovra risulta particolarmente ostica mentre è stata confermata, dal rettore Tornabene, l’esigenza dei “cordoni” davanti la chiesa dell’Addolorata.

I “cordoni” (cioè i volontari che si tengono per mano per delimitare gli spazi) si rendono necessari per consentire ai fercoli di fare le manovre nella massima sicurezza sia per i confrati che per gli spettatori.

Per Ferdinando Scillia, presidente del Collegio dei rettori delle confraternite ennesi: “Il servizio che viene reso dall’ ente corpo volontari è indispensabile poiché, insieme alle forze dell’ordine, garantisce l’assistenza alla popolazione per il normale svolgimento delle processioni durante la settimana santa e in particolar modo durante la secolare e solenne processione del venerdì santo”.

Dall’associazione smentiscono, inoltre, qualsivoglia gettone corrisposto ai volontari, sia per la settimana Santa sia per ogni altro servizio, e si riserva la possibilità di querelare chi continua a diffondere falsità di questo genere.

“La nostra pubblica assistenza è al servizio della città da 26 anni e sono ormai più di 7 anni che prestiamo servizio per la settimana santa con ambulanze, squadre sanitarie a piedi e squadre logistiche”, ha fatto sapere il presidente dell’Ente corpo volontari protezione civile Enna, Giuseppe Vallone “Siamo onorati del pieno appoggio che ci hanno confermato i rettori, che senza dubbio rappresentano le confraternite e quindi tutti i confrati, non vogliamo dare adito alle polemiche e non saranno di certo queste a sminuire l’opera che svogliamo ogni giorno”.

Visite: 1730

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI