Enna, Parto trigemino all’Ospedale Umberto I

Angela Montalto

Fonte; Giornale di Sicilia

Paola Pia, Emma Benedetto, Gioia Maria sono le tre gemelline che venerdì hanno visto la luce all’ospedale Umberto I di Enna per la felicità di mamma Carmela e papà Angelo. Tre fiocchi rosa per un parto trigemino naturale e questa la straordinarietà. «L’eccezionalità dell’evento – spiega la ginecologa Valeria Mazzola – consiste nel fatto che non solo si tratta di una gravidanza trigemina ma soprattutto che è una gravidanza insorta spontaneamente, non è stata indotta tramite fecondazione assistita». Perché la giovane Carmela era già mamma. L’incidenza di queste gravidanze trigemellare è addirittura di uno su 6400 casi, dice il medico, quindi un evento abbastanza eccezionale. Le piccole che pesano due 1,100 chilogrammi e la più grande 1,300 sono nate con il parto cesareo quasi alla 29ª settimana. Venerdì all’improvviso Carmela sì è messa in travaglio per la rottura prematura delle membrane e si è dovuto intervenire d’urgenza. Le bimbette sono nate la prima alle 18,50, la seconda alle 18,52 e l’ultima alle 18,54 a due minuti di distanza l’una dall’altra. «E in poco meno di due ore è cambiata la nostra vita», esclama un emozionatissimo Angelo Risicato. 28 anni lei, 32 lui entrambi operai e con un’altra piccolina di 11 mesi da crescere, si certamente la vita gli è cambiata. Il cesareo è andato bene, sono uscite facilmente una dopo l’altra mostrando subito la loro vivacità con i loro vagiti. Hanno pianto subito ed essendo molto premature sono subito state assistite dai neonatologi e adesso sono all’ Utin, nella terapia intensiva neonatale. La gravidanza così come il parto è stata una continua sorpresa «Quando mia moglie ha fatto la prima visita – tutti sorridono prima che continui – sembra aspettassimo solo un bambino al terzo mese si è sentito un altro battito e abbiamo visto che erano e dopo due giorni increduli abbiamo scoperto che erano in tre», sorride e arrossisce Angelo mentre lo racconta tenendo stretta la mano della moglie. «In famiglia sembra una barzelletta», aggiunge ridendo Carmelina ancora provata dal parto ma molto felice. Anche se le piccoline sono in una fase delicata e quindi permane lo stato d’ansia. Siamo andate a vederle qualche istante, sono d’avvero piccole ma perfette. «La signora – spiega la Mazzola, che ha seguito dall’inizio la gravidanza così come la prima – ha avuto un decorso abbastanza favorevole, nonostante fossero in tre, la giovane età l’ha di certo aiutata». Tutta la famiglia – raccontano i coniugi – ci hanno sostenuti nella scoperta di questa tripla gravidanza e hanno accolto con immensa gioia le bimbe. Nel reparto di Ostetricia di Enna, che quest’anno ha chiuso con più di 1100 parti, non è la prima volta che accade un parto trigemini ma negli altri casi si trattava di gravidanza indotta. L’equipe che ha eseguito il cesareo guidata dalla dottoressa Valeria Mazzola era inoltre formata dai chirurghi Anna Gervasie Alessandra Girgenti dallo strumentista Ivan Infurna.

Visite: 1141

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI