Enna nasce il Gruppo Consiliare Italia Viva

Italia Viva si candida a diventare il primo partito in città e con un importante risultato in provincia. Lo afferma senza mezzi termini Paolo Gargaglione, uno dei 3 assessori della giunta Dipietro e dei 6 consiglieri comunali che oggi pomeriggio 7 dicembre hanno costituito il gruppo consiliare Italia Viva e la nascita come soggetto politico in provincia a tutti gli effetti. Gli altri due assessori sono Lucia Russo e Ilaria Marazzotta mentre i consiglieri comunali che hanno aderito il presidente del Consiglio Ezio De Rose, Emilia Lo Giudice, Giusy Macaluso, Rosalinda Campanile, Giuseppe La Porta e Miriam Colaleo. Un gruppo quindi molto piacevolmente “sbilanciato” verso il “rosa”. Del gruppo “costituente” anche l’onorevole Mario Alloro. E per questo importante “battesimo” sono arrivati i parlamentari nazionali Davide Faraone e Valeria Sudano ed i parlamentari regionali, Edy Tamajo, Nicola D’agostino e Luca Sammartino. “Non era scontato che questo progetto andasse in porto – ha detto nel suo intervento di apertura Mario Alloro – perché provenivamo da esperienze diverse. Partiamo da Enna con una compagine forte alla vigilia delle elezioni amministrative dove anche se faremo gruppo presenteremo delle liste civiche per continuare nell’esperienza del civismo. Un segnale forte da Enna darà un forte input ad una organizzazione in tutta la provincia dove riscontriamo un forte interesse. A breve organizzeremo una importante manifestazione provinciale per la nascita sul territorio di Italia Viva”. “Oggi per me una giornata molto importante – continua Paolo Gargaglione – attorno a noi c’è una attenzione molto alta. E noi ci candidiamo ad essere il primo partito in città. Lo dico supportato dai numeri e quindi possiamo ambire a questo ambizioso traguardo. E per questo dobbiamo costituire il gruppo consiliare per caricare tutto il clima politico provinciale. Sin dal primo momento tra noi c’è stata molta sintonia. Il nostro è un progetto politico aperto a tutti e ci continuano ad arrivare telefonate di semplici persone che vogliano avvicinarsi. Insomma ci sono tutte le condizioni per fare anche nell’immediato molto bene anche perchè al centro ci sono molti spazi che possiamo intercettare”. “Tutti quelli che oggi stanno aderendo provengono da una storia fatta di coerenza -aggiunge Rosalinda Campanile – ognuno con la propria storia ma con un obbiettivo comune quello di riportare la politica al centro della società ennese. Il fatto di ritrovarci è il risultato di un percorso comune”. “Oggi è la fine di un percorso – Giuseppe La Porta – che significa la partenza per un altro progetto”. “Enna è un laboratorio politico molto particolare – afferma Faraone – che dimostra che persone che la pensano nello stesso modo politicamente per stare insieme devono fare un altro soggetto politico. Io nutro molte aspettative per le prossime elezioni amministrative ed è una esperienza quella di Enna che mi ha sempre appassionato. In tutto il territorio siciliano stiamo registrando adesioni importantissime”. “Questa casa che vogliamo costruire rappresenterà una grande casa per tutti quelli che si sentono oggi senza un casa – aggiunge Valeria Sudano “C’è grande entusiasmo intorno al nostro progetto – rimarca Tamajo – molta gente vuole aderire. Non ho dubbi che a Enna si farà un buon lavoro”. Oggi rappresenta il primo passo per la costruzione di questo importante progetto – continua Sammartino – lavoriamo tutti insieme per costruire questa grande casa”. “Avevamo sin dall’inizio una idea del peso che potevamo avere in ogni provincia – conclude D’Agostino – ma la cosa più piacevole è che a prescindere delle adesioni di figure istituzionali, le richieste che ci arrivano da semplici cittadini. La Sicilia sicuramente darà un contributo importante al partito in ambito nazionale. La partenza di Enna in modo così massiccio è un valore aggiunto”.

Visite: 1323

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI