Enna “Mutazioni” una esperienza unica ed innovativa di sinergia tra diverse associazioni datoriali

Se il progetto Mutazioni soprattutto in questi ultimi giorni sta facendo nascere in città un interessante e impegnativo dibattito tra chi lo definisce un progetto inutile per la promozione della città e chi invece una iniziativa innovativa di totale rottura con il passato, di sicuro ha un merito che nessuno può toglierli, quello di aver dato vita ad una esperienza associativa che se non a livello nazionale ma di sicuro a livello regionale sicuramente non ha eguali. Infatti Mutazioni che nasce dall’innovativo strumento del Bilancio Partecipato, ovvero finanziato con l’equivalente del 2 per cento del Bilancio Comunale nasce da una idea di un gruppo di professionisti locali con l’appoggio di Cna, Confartigianato, Confcommercio e Federteziario che stanno portando avanti tutti insieme questo progetto. Un modo nuovo ed intelligente quindi di guardare al bene comune dell’intera città da parte di associazioni in un particolare momento di congiuntura economica che in altri posti non solo in Sicilia ancora oggi è assolutamente impensabile. Queste quattro associazioni rappresentano circa il 25 per cento delle imprese iscritte alla Camera di Commercio che danno lavoro a migliaia di persone. Per la precisione il peso di ognuno è di 1300 imprese per la Confcommercio, 1600 Cna, una migliaio la Confartigianato e circa 500 Federteziario. Quindi una esperienza pilota che sicuramente potrebbe fare da apripista non per tante altre iniziative, prima tra tutti la progettazione di Agenda Urbana che farà arrivare in città circa 16 milioni di euro, con svariate misure di progettazione. E questa sinergia potrebbe essere utile anche per quest’altra opportunità che la città non può assolutamente farsi scappare.

Visite: 425

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI