Enna Liceo Scientifico Farinato: laboratorio Mafie: Il Prof Antonio Fisichella e il giornalista Antonio Ortoleva parleranno di Omertà

Ma i siciliani sono omertosi? Con questa domanda impertinente, il professor Antonio Fisichella, coadiuvato dal giornalista Antonio Ortoleva, intratterrà giovedì 14 marzo, gli studenti del liceo scientifico Farinato, con delegazioni da altri istituti superiori ennesi, nell’ambito del Laboratorio Mafie a cura dell’associazione Memoria e Futuro, un sodalizio composto da giuristi, avvocati, docenti e giornalisti di Palermo, Catania ed Enna, e che si occupa dei “segreti” italiani, cioè di quelle vicende ancora oscure della nostra Repubblica: dalle stragi ai delitti eccellenti, dai depistaggi ai grandi processi ancora lontani da una soluzione. In questo laboratorio, aperto da Adriana Laudani, presidente di Memoria e Futuro, sulla storia del maxiprocesso alla mafia, la mafia è studiata, interpretata e raccontata agli studenti da prospettive e contenuti diversi, dalla storia alla letteratura, dal cinema all’economia, dal giornalismo ai grandi processi. E’ il progetto del laboratorio Mafie, un progetto pilota per il quale è tato scelto In Sicilia il liceo scientifico ennese, un progetto che l’anno prossimo verrà trasferito a Palermo e a Catania. Quello di domani pomeriggio alle 15, nell’aula magna del Farinato, da poco intestata al giudice Rosario Livatino, assassinato dalla mafia, è il quarto incontro, preceduto dalla lezione di Sandro Immordino che ha delineato i passaggi storici salienti dal dopoguerra ai nostri giorni, e dal pubblico ministero Vittorio Teresi, il capo del pool della pubblica accusa nel processo sulla “Trattativa”, il quale ha spiegato Cosa nostra attraverso la sua biografia di magistrato in prima linea a Palermo.
Nel mese di aprile, l’economista napoletano Isaia Sales, già sottosegretario del governo Prodi, tratterà il rapporto tra economia e mafia e Antonio Ortoleva affronterà il tema del ruolo dell’informazione e le vicende legate ai tanti giornalisti uccisi, caso unico in Occidente. Concluderà il docente universitario Alessandro De Filippo con una lezione sulla mafia rappresentata al cinema, in tv e in letteratura.
Referente interno del laboratorio è il professor Giuseppe Rugolo, tutor Antonio Fisihella, consulenti Renzo Pintus e Antonio Ortoleva. L’ingresso alle lezioni è aperto al pubblico.
Un laboratorio d’ateneo simile, tarato sugli studenti universitari, si terrà a breve ai Benedettini di Catania, in piazza Dante.
“Agiamo con una metodologia prettamente scientifica – spiega Adriana Laudani – ma anche etica perchè si tratta di passare il testimone alle nuove generazioni di quel patrimonio di conoscenze e di lotte che hanno costituito in Sicilia il più grande movimento antimafia della storia”.

Visite: 386

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI