Enna, l’assessore alla Pubblica Istruzione Vittorio Di Gangi scrive ai dirigenti scolastici

Questa la nota inviata dall’assessore alla Pubblica Istruzione Vittorio DI Gangi ai dirigenti scolastici del capoluogo dove si chiede la riduzione delle tasse scolastiche

la grave crisi economica, che ormai da alcuni anni attanaglia il Nostro Paese, sta in modo impetuoso determinando un impoverimento delle famiglie e un incremento delle situazioni di disagio che si ripercuotono indiscutibilmente sui servizi essenziali quali quello dell’Istruzione.

Il numero di famiglie che oggi non riesce più a comprare i libri o il materiale scolastico ai propri figli aumenta di giorno in giorno, così come la richiesta di aiuto che viene avanzata agli uffici comunali siano essi della Pubblica istruzione che della solidarietà sociale.

Come Amministrazione abbiamo cercato di attenuare il disagio, con l’erogazione di contributi e meccanismi che mirino a garantire a pieno titolo il diritto allo studio di ciascun studente.

Oggi la Scuola Pubblica può contribuire ad evitare che qualche studente venga discriminato o non possa concretamente studiare perché è impossibilitato ad acquistare i libri.

Conoscendovi personalmente, so quanta sensibilità c’è in ognuno di Voi su questo tema, non foss’altro perché lo dimostrate quotidianamente; ma proprio per questo Vi chiedo, facendomi portavoce di alcuni genitori, che vi assicuro non sono pochi, di prendere in esame e sottoporre agli Organi Collegiali la possibilità, nel rispetto dell’Autonomia scolastica, di ridurre per l’anno scolastico 2015/16 il contributo annuale e/o di prevedere delle esenzioni per quelle famiglie che hanno un reddito ISEE basso o addirittura pari a zero.

 

Visite: 996

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI