Enna la Regione finanzia nuovamente gli scavi della Villa Romana di Contrada Gerace

Dopo anni di silenzi e quasi rassegnazione a non vederla mai alla luce, per la Villa Romana di contrada Gerace in territorio del Comune di Enna scoperta nel 1994 potrebbe iniziare una nuova “primavera”. Infatti la Regione siciliana l’ha inserita in un programma di finanziamento di 10 interventi di scavi in tutta la Regione. Per adesso il finanziamento complessivo è di 500 mila euro per tutti e 10 i cantieri. Ma secondo quanto dichiarato dal Presidente della Regione Nello Musumeci a questo seguirà un intervento finanziario molto più corposo. Ed importante dovrebbe essere il finanziamento per gli scavi di questo sito come avrebbe anticipato nei mesi scorsi l’Assessore regionale ai Beni Culturali Sebastiano Tusa al presidente regionale e vive nazionale del settore artistico Cna l’ennese Angelo Scalzo. La Villa Romana in contrada Gerace è stata scoperta venticinque anni fa e costituita da una dozzina di ambienti dotati di pregevoli pavimenti mosaicati. In questa prima fase, sono previsti interventi di restauro conservativo dei mosaici già messi in luce, la copertura provvisoria degli ambienti, la pulizia dell’intera area, nonché la realizzazione di percorsi di visita e supporti didattici. La Villa – costruita nel tardo IV secolo dopo Cristo da Philippianus, al cui nome si riferiscono i bolli rinvenuti su ben 99 laterizi – presenta mosaici policromi con tessere di colore rosso, viola, giallo, stilisticamente molto simili a quelli della Villa del Casale di Piazza Armerina. Presenti anche le terme che finiscono di essere usate dopo l’incendio del V secolo. Quindi dopo anni questo sito dovrebbe pian piano venire all’esterno in tutto il suo splendore. Nel 2014 Angelo Scalzo invitò l’imprenditore Diego Della Valle da sempre sensibile al patrimonio artistico e monumentale nazionale ad intervenire finanziariamente su questo sito che a quanto pare è molto più grande e antico del “fratello” dove insiste la villa Romana del Casale in territorio di Piazza Armerina. Lo scavo dovrebbe interessare una superficie di circa tre ettari. La villa geracea è più antica rispetto alla sorella sita in Piazza Armerina. Lo scavo già eseguito è curato dal 2013 da l’University of British Columbia, Vancouver, in Canada, che fa capo a Roger Wilson, Professore e Direttore del centro degli studi della Sicilia antica.

Visite: 1491

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI