Enna, la Presidente dell’Associazione San Tommaso replica al presidente dell’Università Kore

LA PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE COMITATO DI QUARTIERE SAN TOMMASO, RISPONDE AL PRESIDENTE DELLA KORE SALERNO

“Siamo contenti nell’apprendere che il presidente dell’Università Kore , Cataldo Salerno abbia deciso di estendere il Codice Etico, che già gli studenti curriculari sottoscrivono, anche agli studenti Erasmus”. Così la presidente dell’associazione Comitato Quartiere di San Tommaso, Anna Dongarrà, risponde al presidente della Kore, Salerno che oggi, in una nota comunica di essersi già attivato per verificare i fatti ed eventualmente sanzionare gli studenti che, nella notte tra giovedì e venerdì scorso, visibilmente ubriachi, hanno buttato giù le statue del presepe di Piazza San Tommaso e sfondato una casetta dei mercatini di Natale. “Nessuna eccessiva insistenza sulla nazionalità dei giovani, piuttosto la costatazione oggettiva che questo gruppo di giovani , che per altro abitano nel nostro quartiere, non hanno tenuto un comportamento consono alle regole di una convivenza civile. – aggiunge la presidente – Se fossero stati greci piuttosto che inglesi avremmo parlato di studenti greci ed inglesi. Siccome, invece, sono giovani spagnoli che, per altro, nelle scorse settimane, non si sono certo distinti per il loro comportamento, abbiamo parlato di spagnoli, specificando che, dei 50 presenti ad Enna, si tratta solo di una piccola minoranza un po’ sulle righe. La Kore è una Università prestigiosa che ci pregiamo di avere nella nostra città. Enna è una città da sempre accogliente con gli stranieri. Per questo siamo profondamente addolorati per la vicenda”.

Visite: 288

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI