Enna la città ha salutato l’ultima volta il “Compagno” Francesco “Ciccino” Barbusca

Tanti i rappresentanti del mondo politico e sindacale ma anche semplici persone che hanno voluto salutare per l’ultima volta a Francesco “Ciccino” Barbusca scomparso martedì scorso a 91 anni, esponente di rilievo della Sinistra ennese avendo ricoperto importanti incarichi sia alla Cgil, ma anche per ben tre volte consigliere comunale del Pci. Sia ai funerali tenuti nel pomeriggio di ieri mercoledì 20 novembre alla chiesa di San Cataldo ma anche sui social tantissime le persone che gli hanno voluto tributare l’ultimo saluto. Tra i tanti dal segretario cittadino del Pd ed ex sindacalista della Cgil Vittorio Di Gangi, al collega di sindacato Giovanni Rabiolo, al compagno “avversario” politico Angiolo Alerci, ai “giovani” della Fgci di una volta Attilio Greco all’ex sindaco di Aidone Enzo Lacchiana, e tanti altri ancora. Il “compagno” Pino Vicaro suo coetaneo ne ha ricostruito la sua storia politica e sindacale. “Con Ciccino Barbusca è andato via un pezzo di storia della Sinistra Ennese – commenta – con Barbusca eravamo coetani, abbiamo vissuto una vita parallela nella Politica, nel Sindacato, al Consiglio Comunale nella pubblica Amministrane. Persona corretta, onesta e grande lavoratore. Oltre al suo incarico nel Sindacato “Direttore dell’Incarico (ISTITUTO NAZIONALE CONFEDERALE di ASSISTENZA)posto delicatissimo dove si trattavano le Pensioni ed altro grazie al rigore ed onestà non successero mai scandali. E’ stato un ottimo amministratore Comunale. Eletto al Consiglio Comunale nel 1956 fummo tutti e due Assessori con Sindaco Paolo Savoca. Consigliere Comunale per più di 30 anni Assessore con diversi Sindaci. In alcune Giunte eravamo assieme. Amministratore competente e sempre a disposizione dei cittadini, apprezzato e stimato. La sua fede politica non vacillo ‘mai. Stamattina 19 Febbraio nell’apprendere la notizia della sua morte ho guardato la mia Agenda dove avevo segnato che in questi giorni dovevo telefonare a Cicco Barbusca perché da un po di tempo non avevo notizie. Strana coincidenza ,avevo preparato una notizia che avevo rilevato dal mio archivio. Io fui eletto al Consiglio Comunale nel 1952 e leggendo i 40 nominativi sia quelli del 1952 e quelli del 1956 degli 80 Consiglieri i viventi eravamo solo io e lui. Purtroppo, non o avuto il tempo di comunicarglielo. Ricorderò le belle battaglie tra i lavoratori. R.I.P. mio grande Amico e Compagno”.

Visite: 571

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI