Enna, incontro del Kiwanis su “L’Europa al di la dei miti. Cosa deve fare l’Italia per contare di più?”

Un animato incontro si è tenuto al polifunzionale, dove il presidente del Kiwanis club Paolo Lodato ha introdotto i tre oratori chiamati a relazionare sul tema “L’Europa al di là dei miti. Cosa deve fare l’Italia per contare di più?” Ne hanno parlato Massimo Balducci docente all’università di Firenze, esperto in problematiche europee, Michele Sabatino professore assistente alla Kore e Giuseppe Castronovo segretario regionale del Movimento federalista europeo. Era presente il luogotenente Kiwanis Giovanni Grasso.

Assertore del federalismo, Castronovo ha sottolineato la necessità di unire le forze nazionali per costruire uno stato sovranazionale capace di affrontare le sfide attuali e contrastare i mali dell’odierna società. In sintonia Sabatino ha calcato la mano sui mali più gravi e urgenti che ci affliggono: ambiente, emigrazione, spaventoso divario sociale tra pochi ricchissimi e innumerevoli poveri.

Una diversa posizione ha preso Balducci fornendo notizie sull’attuale gestione dell’Unione, basata sulla tecnologia e la consulenza avveduta di esperti. “L’Europa c’è già – ha detto – prospera, cresce ed è competitiva. Non crescono l’Italia, la Spagna e la Grecia. L’Europa che conta è quella di Germania, Francia, Belgio, Olanda. L’Italia vale quanto il due a briscola. L’Europa – ha sostenuto – è quella a nord delle Alpi, un’Europa diversa è un sogno irrealizzabile, ai nostri figli s’insegni il tedesco e il francese oltre all’inglese.”

Parole pragmatiche, categoriche, velatamente derisorie per chi osa sperare in un’Italia (o forse si deve intendere: Meridione, Sicilia?) migliore. Repliche, pur colte e motivate, non lo hanno spostato dalla sua visione di Europa transalpina.

E’ seguita la degustazione di dolci tipici, offerta dal bar Di Maggio, accompagnata dai vini della Tenuta Monte Gorna di Trecastagni (Catania). Anna Maria De Francisco

Visite: 381

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI