Enna: il sorriso di Gogòl tra le donne del Santuario di Papardura

E’ arivato anche al Santuario di Papardura il sorriso di Gogòl,  l’omino giallo ambasciatore del sorriso. Nei giorni scorsi Gogòl è andato a fare visita alle donne che anche quest’anno hanno portato avanti la secolare tradizione della preparazione delle “Cudduredde” in occasione dei festeggiamenti del Santissimo Crocifisso di Papardura a Enna organizzati dalla congrega dei Massari.  Centinaia di donne sia le mogli e figlie dei massari ma anche tante altre che per devozione vogliono dare il proprio contributo, si sono recate al santuario di Papardura e nelle grotte antistanti il luogo di culto preparano le caratteristiche cudduredde, impastate in modo semplice con farina e acqua e che saranno poi distribuite alle centinaia e centinaia di persone che nei giorni del 13 e 14 settembre  si recheranno in pellegrinaggio nel santuario che si trova in uno dei luoghi più caratteristici e suggestivi della città. Ed a portare un sorriso a queste donne e ragazze che mantengono viva questa tradizione ci ha pensato il signor Angelo Tirrito, panificatore ennese che ha “accompagnato” di persona Gogòl tra le donne.

 

 

Visite: 2049

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI