Enna, il servizio di raccolta dei rifiuti nel Caos ma la percentuale di differenziata continua a crescere

I dati che continuano ad arrivare sulla raccolta differenziata sono molto incoraggianti. Ma il servizio continua a vivere nell’assoluto caos. E’ quanto accade per il servizio di raccolta dei rifiuti nel capoluogo dove da quasi 3 mesi è stata attivata la raccolta differenziata Porta a Porta, per adesso nella sola parte alta della città e con risultati incoraggianti. Ma nello stesso tempo il servizio viene svolto a singhiozzo perchè i lavoratori continuano a protestare per gli ormai “istituzionalizzati”, ritardi dei pagamenti degli stipendi. Infatti da mercoledì scorso non è stata effettuata la raccolta a causa della protesta degli operatori. Quindi mercoledì in città non è stata ritirata la plastica, rimasta tutta per strada e ieri la stessa cosa è avvenuta per la frazione organica rimasta non ritirata e sempre in strada con tutte le conseguenze che si possono benissimo immaginare, sicuramente sino al tardo pomeriggio. Una situazione che se dovesse continuare diverrebbe pesante. E tutto ciò malgrado le percentuali di raccolta differenziata continuino a salire e con un risparmio sempre maggiore sui costi di conferimento di rifiuti. Tanto per fare capire meglio da dati forniti dai vertici della società Ennaeuno nel mese di dicembre i rifiuti del capoluogo conferiti in discarica sono stati 783 mila chili con una media di 25 tonnellate al giorno e con una spesa mensile di circa 80 mila euro. Considerando che la media di rifiuti prodotti Enna prima dell’avvio della raccolta differenziata era di 33 tonnellate giornaliere, significa che sono state differenziate circa 8 tonnellate al giorno con una percentuale di 25 per cento. Ancora meglio nel mese di gennaio sia in termini di percentuali che economici. Infatti i rifiuti conferiti in discarica sono stati 767 mila chili con una media giornaliera di 23 tonnellate e con una spesa di 70 mila euro, 10 mila euro in meno del mese precedente. E prendendo come riferimento sempre la media di 33 tonnellate “ante raccolta differenziata”, significa che a gennaio si è arrivati a quasi il 30 per cento. Ma se letto con maggiore precisione il dato è di gran lunga migliore. Infatti le 33 tonnellate riguardano tutta la città vale a dire Enna Alta, Enna Bassa e Pergusa, mentre la raccolta differenziata viene fatta nella sola parte alta della città. Significa che si fa a “sezionare” solo questo pezzo di città la percentuale di raccolta differenziata è ampiamente al di sopra del 40 per cento. Ma purtroppo tutti questi risultati positivi rischiano di essere vanificati dai problemi perenni che interessano il settore tra cui quello più grave del ritardo dei pagamenti degli stipendi dei dipendenti che hanno tutto il diritto di reclamare per avere quello che a loro spetta per legge.

Visite: 567

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI