Enna, il Museo Varisano supera la soglia delle 7 mila presenze

Malgrado venga momentaneamente “dimenticato” sia dal Comune che dalla Pro Loco (anche se da entrambi è stato assicurato che si recupererà la dimenticanza) il museo regionale archeologico Varisano in piazza Mazzini a pochi metri dal Duomo continua a macinare numeri ed a fare segnare record mese dopo mese. Infatti con le 640 del mese di ottobre, (non meno del 20 per cento in più rispetto allo stesso mese dell’anno precedente) le presenze complessive in questi 10 mesi del 2015 sfiorano le 7 mila. Significa già 1000 in più rispetto a quelle complessive di tutto il 2014 e più del doppio di quelle del 2013. Significa che con questa media il 2015 dovrebbe chiudersi intorno alle 8500 presenze. E le presenze di ottobre potevano essere ancora di più dalla Regione non fosse stato applicato quello scellerato provvedimento di chiusura dei musei cosiddetti minori per 3 domeniche su 4 di ogni mese. Se poi a questo si aggiunge il fatto che nella cartellonistica informativa in giro per la città il museo è stato assolutamente trascurato il danno è presto fatto. A quanto pare il problema delle chiusure domenicali dopo l’interessamento del deputato regionale del Pd Mario Alloro dovrebbe essere risolto dall’assessore regionale ai Beni Culturali e quindi il museo dovrebbe riaprire in tutte le domeniche di ogni mese. Rimane però da risolvere il problema legato alle guide che accompagnano le comitive di turisti in particolari stranieri nel capoluogo e che non ci comprende il motivo boicottano la visita al museo malgrado portino i loro gruppi al Duomo che si trova a poche decine di metri dal sito museale. E ci si augura che anche la chiusura del viale Caterina Savoca non arrechi particolari danni. Ed una “robusta” informazione in giro per la città che dice che c’è un museo ed indichi la sua ubicazione proprio in questo momento sarebbe auspicabile. Ma si prendono per buone le assicurazioni sia dell’assessore al Turismo Paolo Di Venti che della Presidente della Pro Loco Proserpina Gioia Puglise che ovvieranno a questa dimenticanza. Attualmente il museo Varisano insieme al castello di Lombardia, la torre di Federico ed al sacrario dei caduti (ma degli ultimi tre la competenza è del Comune) rappresenta quello che è sempre aperto anche in giorni “a rischio”, come pasquetta, primo maggio e ferragosto. Al contrario della quasi totalità delle chiese (il più grande patrimonio monumentale cittadino) che invece a dispetto del fatto che stanno fruendo di una importante campagna informativa sia da parte del Comune che dalla Pro Loco, tranne che per alcune come il Duomo e S.Giovanni in quei particolari giorni e non solo rimangono chiuse ai visitatori.

Visite: 336

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI