Enna, il Movimento 5 Stelle sul Consiglio Comunale contro la chiusura della Prefettura

Enna, Consiglio Comunale. M5S: Come volevasi dimostrare…
Se qualcuno avesse avuto dubbi (noi non ne avevamo) sul fatto che questo consiglio sia servito solo a consentire una passerella politica agli onorevoli Alloro, Greco, Lantieri e Venturino, adesso dovrà ricredersi perché non c’è più alcun dubbio che serviva solo a quello!

Parole, parole, soltanto parole, per citare una nota canzone, e non poteva essere altrimenti giacché non sarà certo un Consiglio Comunale a risolvere l’annoso problema della soppressione della Prefettura.
Saremo pure di parte, ma l’unico a fare presente una tale ovvietà è stato il sindaco di Pietraperzia, Antonio Bevilacqua, che ha precisato che “si devono semmai intraprendere iniziative forti, alle quali l’amministrazione pietrina è sicuramente  aperta”. “Bisogna alzare i toni per farci sentire dallo Stato che”, prosegue il sindaco a cinque stelle “è evidente che sta arretrando sempre di più, abbandonando un territorio a forte infiltrazione mafiosa, lasciando sole le amministrazioni locali a far fronte ai problemi di sicurezza e legalità.”
Vale la pena, inoltre, di riportare la domanda che il consigliere Gargaglione ha posto all’on. Greco, la quale  riferendo dei suoi incontri con il Ministro Alfano e con il Ministro Madia sostiene che non esiste alcun elenco di accorpamento prefetture e nessuna ufficialità: “Allora di che stiamo parlando? Ci stiamo allarmando  inutilmente?”
Appare piuttosto singolare, però, che tutti gli interventi che sono seguiti a quelli dei rappresentanti del nostro territorio nelle istituzioni, non siano stati ascoltati dagli “illustri ospiti”. Come da copione, infatti, conclusasi la “passerella” hanno reputato opportuno uscire dalla Sala Cerere, che oggiAggiungi un appuntamento per oggi ospitava il consiglio.
Concludendo abbiamo assistito ancora una volta ad una serie di chiacchiere che non hanno portato, com’era prevedibile, a nulla di concreto, se non a sottrarre tempo e denaro agli interessi della città e dei suoi abitanti.
Credete davvero che un cittadino qualunque abbia potuto esultare nell’apprendere la notizia di questo Consiglio Comunale “urgente (difficile, vista la scarsa o quasi nulla presenza di cittadini rispetto al precedente consiglio aperto del 22 settembre) o avrebbe preferito sapere cosa si sta facendo concretamente in Consiglio per migliorare le condizione di certo non rosea di questa città? Le mozioni presentate dai vari gruppi consiliari sono tante e sono state presentate già da diversi mesi, ma tra le scadenze da rispettare per approvare atti lasciati incompiuti dalla precedente amministrazione e la Prefettura, sono trascorsi ben due mesi senza che si sia affrontato almeno uno dei temi oggetto di queste mozioni che, sicuramente, richiederanno altro lavoro. Ovviamente prima si inizia prima si finisce. Perché perdere altro tempo (e denaro) inutilmente?
Il M5S di Enna
Visite: 279

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI