Enna, il Festival Nazionale della Legalità una esperienza che mette in rete scuole di tutta Italia

Si è tenuta stamattina presso i locali della biblioteca “La casa di Giufà” la conferenza di presentazione del 1° Festival Nazionale Della Legalità- Teatro Scuola – Talè Talè Talia, che si svolgerà a Enna dal 3 al 6 maggio prossimi.

Primo Festival in Italia ad avere come filo conduttore questo tema, il progetto nasce da una collaborazione tra l’associazione “L’Alveare” il professore ennese Paolo Patrinicola, ideatore e promotore del progetto, con il supporto e la collaborazione del Comune di Enna.

Un’esperienza che mette in rete le realtà scolastiche nazionali, con un importante successo di partecipazione già in questa sua prima edizione.

Data la natura socio-culturale e formativa della nostra associazione – ha commentato Caterina Polopoli, presidentessa dell’associazione “L’Alveare” – ci è sembrata un’ottima occasione per la quale spendersi al fine di costruire un nuovo inizio e una nuova realtà”.

Un concorso a tutti gli effetti – ha proseguito l’assessore alla Pubblica Istruzione Paolo Di Venti – su una questione, quella della legalità, che è uno dei valori che dovrebbe contraddistinguere la persona e che è frutto di un impegno costante. Un gemellaggio con altre scuole del territorio nazionale che costituisce un primo momento per cercare di costruire un progetto comune che possa vedere in seguito anche i nostri ragazzi spostarsi nelle loro realtà”.

A presentare il programma delle quattro giornate del Festival è stato invece il Prof. Paolo Patrinicola, che ha introdotto i protagonisti che saliranno sul palco del Teatro Garibaldi, tra spettacoli, riflessioni e tavole rotonde.

Tra questi la cooperativa “Altri Orizzonti” di Castelvolturno che – spiega Patrinicola – si è “impreziosita della collaborazione di ex prostitute nigeriane, strappate alla camorra, che oggi producono abiti e accessori proprio in uno stabile confiscato alla camorra, con cui si parlerà di sociale e d’integrazione vera” e l’autore Alessandro Gallo “che introdurrà lo spettacolo “Scimmie”, interpretato in quest’occasione da vari ragazzi di diverse scuole di Enna ma che finora, per la sua durezza, è sempre stato portato in scena da attori semi professionisti e mai interpretato da minori”.

Ho voluto a tutti i costi realizzare questo festival- ha commentato Patrinicola – perché il nostro territorio deve vivere di questi progetti. Il fatto che non ci sia mai una ripetizione sulle cose che si creano, non va bene. Io spero di proseguire per tantissimi anni con questo Festival perché il nostro territorio se lo merita”.

Al Festival si assegnerà inoltre il Premio Speciale della critica Antonio Maddeo, uomo poliedrico che si è sempre speso per i giovani e che Walter Amorelli, suo “allievo per caso”, ha ricordato come “un personaggio straordinario che raccoglieva i ribelli per strada per portarli nella sua compagnia teatrale, insegnando lealtà, onestà, correttezza e un vero e proprio modo di pensare e di vivere”. Il nome del Festival, Tale’ Tale’ Talia, è un omaggio a una sua opera teatrale.

La Giuria sarà composta dal giornalista e scrittore Antonio Ortoleva, l’attore, organizzatore e consulente artistico Walter Amorelli e il regista e attore Carlo Greca.

A presentare le serate sarà l’attrice ennese Lorenza Denaro.

Tutte le informazioni sono reperibili sul sito dell’associazione: http://www.lalvearenna.it/

Giuliana Scillia

Visite: 830

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI