Enna il Comitato promotore per i Diritti dei Cittadini ricorda dei Benefattori in campo religioso

GIUSTO RICORDARE BENEFATTORI IN CAMPO RELIGIOSO

Questo Comitato altre volte si è occupato di ricordarsi di alcuni benefattori, ricordando anche che non sono

state ricordate nelle denominazioni di alcune vie alcune le benefattrici, ora si vuole ricordare fra i benefattori alcuni organi religiosi. Essi sono alcune Compagnie, Confraternite o Collegi che nel passato vi esplicavano gli uffici di culto principalmente, ma anche scopi di beneficienza.

Si vogliono ricordare: il Collegio di Maria Maddalena, fondato nel 1630, con lo scopo di alloggiare i pellegrini, per cui esisteva una attrezzata locanda; la Congregazione della Misericordia, istituita il 15-11-1610 avente sede presso la sede di Sant’Antonio “de la Plaza”, il cui scopo era quello di trasportare dal proprio domicilio gli ammalati poveri ai luoghi di cura; la Confraternita di S. Eligio, costituita nel 1570, che aveva sede presso la Chiesa del Santo, in Via Vittorio Emanuele (prima Via del Popolo) ed aveva lo scopo di diffondere il culto di S. Eligio e che riuniva i mulari e i cavaddari; che nelle processioni partecipavano a cavallo; il Collegio di S. Sebastiano, fondato il 4-6-1630 da don Giacomo Colajanni, che volle istituire, con atto presso il notaio Leonardo Longis, una dote di maritaggio per le donne povere, ricavandola dal fitto delle sue terre. I Collegi di S. Onofrio, S. Agata, S. Teresa, S. Nicolò, S. Vito, Santa Maria di Loreto, S. Orsola, Sant’Agrippina, fecero a gara nell’esercitare la loro attività sociale e i loro alti sentimenti di solidarietà umana, elargendo le loro rendite, oltre che nelle divine cerimonie, anche nelle elemosine e nel seppellimento onorato dei cadaveri dei poveri, anche i Collegi di S. Pietro, di Valverde, di S. Giuseppe, del Sacramento, il Collegio di San Pietro e Paolo.

Inoltre le istituzioni religiose come “OPERA DEL TURNO DI SERA’ istituito nel 1625 dai colti cittadini al cui sviluppo furono assegnate rendite annuali “per sera necessaria”. Si sovveniva così, non soltanto all’esercizio della preghiera, ma anche quello della carità. Furono onze 60 annuali, approvate dal Tribunale del Real Patrimonio, il 15-2-1627; l’OPERA DEGLI AGONIZZANTI del 1703; I’OPERA 40 ORE, fondata da don Arrigo Grimaldi nel 1590 e la CONGREGAZIONE DI CARITA’, le quali svolsero un’attività prevalentemente religiosa, promuovendo l’officiatura di Sante Messe.

Tanto per non dimenticare e custodire la memoria storica della città di Enna.

Enna, 16 maggio 2018

p. IL COMITATO

(Gaetano Vicari)

Visite: 254

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI