Enna; i 60 anni del Rotary; il Presidente Dario Cardaci “Interesse per la città ed impegno sociale”

Ha compiuto sessant’anni il Rotary, il più antico club service cittadino, costituito il 17 febbraio 1956. A spegnere le candeline col presidente Dario Cardaci, mercoledì pomeriggio sul palco del teatro Garibaldi, il governatore del distretto Francesco Milazzo, i past governatori ennesi Alessandro Scelfo e Attilio Bruno, attorniati dai soci (64, di cui 14 donne) e dagli amici rappresentanti di associazioni e club cittadini, oltre che dai rotariani di altri club siciliani venuti per l’occasione e perfino da Parigi, città gemellata al club di Enna.

Cerimoniera della manifestazione la socia, past presidente e prefetto del club, Stefania Rizzo, che ha invitato sul palco il sindaco Maurizio Dipietro a porgere il benvenuto nel teatro comunale, tempio della cultura e luogo di aggregazione.

L’interesse per la città, l’impegno sociale, l’attenzione ai problemi e alle sollecitazioni attuali sono alla base delle attività che Dario Cardaci ha intrapreso e intende promuovere in questo suo particolare anno di presidenza, in sinergia con Rotaract, Inneract, Inner e con altre associazioni che similmente hanno a cuore il bene comune in ogni campo.

Una nota di affettuosi ricordi del passato unita alla consapevolezza del naturale evolversi dei tempi ha caratterizzato l’incisivo vibrante intervento dell’imprenditore Alessandro Scelfo, socio fondatore allora poco più che ventenne, col radiologo Francesco Bonasera e i compianti avvocato Francesco Longo e cavalier Vincenzo Militello.

Gli aspetti salienti degli anni Cinquanta, tra storia e cronaca, sono stati delineati da Attilio Bruno in un colto excursus, intrecciati alle azioni di umana solidarietà e spinta al progresso locale svolte nel tempo dal club.

Ha concluso il governatore Milazzo, ricordando che anche nella sua Modica c’è un teatro cittadino intitolato a Garibaldi e dimostrandosi compiaciuto dell’impegno espresso nell’arco di sessant’anni dal club di Enna, della sua sempre più attenta e proficua apertura alle istanze dell’odierna società.

Dai past governatori Scelfo e Bruno è stato offerto in dono al club un quadro coi nomi di tutti i presidenti sino ad oggi.

Tra le opere, fiore all’occhiello del Rotary ennese, si ricordano l’impianto di illuminazione artistica del Comune e del museo parrocchiale di San Cataldo, il restauro di alcune opere d’arte, la Stele della Pace posta nel punto centrale di Enna “Umbilicus Siciliae”, due formazioni informatiche con stampante per l’archivio storico comunale.

E’ seguito lo spettacolo musicale predisposto dal socio rotariano Mario Incudine, direttore artistico del teatro ennese. In un angolo del palcoscenico un mucchio di sale tradiva l’identità dell’illustre ospite della serata, il cantautore siracusano Carlo Muratori, nel cui immaginario artistico il sale, titolo di un suo album, è l’emblema della nostra insularità.

Anna Maria De Francisco

Visite: 856

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI