Enna Gogòl “sbarca” tra i ragazzi dell’Associazione “Vita 21”

Ieri sera i bambini e i genitori dell’Associazione per la Sindrome di Down Vita 21 di Enna, riunitisi presso la chiesa di San Pietro per festeggiare la giornata mondiale della sindrome di Down insieme ai ragazzi del progetto di pastorale giovanile 360 di don Giuseppe Rugolo, hanno ricevuto una visita singolare: Gogòl, l’omino del sorriso, sarà tra le loro mani per strappare loro un luminoso sorriso. L’Associazione, attiva da anni nel sostegno dei diritti delle persone con la sindrome di Down, non poteva non sposare il “progetto del sorriso” che sta dietro l’omino giallo che da poco più di un mese abbiamo visto, in diverse occasioni, tra le mani dei cittadini ennesi (e non solo). A consegnare l’omaggio il padre adottivo di Gogòl Mauro Todaro nelle mani del presidente di Vita 21, il dottor Marco Milazzo. Ma chi è Gogòl? E perché è così presente nella vita dei cittadini ennesi? Gogòl, ovviamente, ha una sua storia: egli è un omino che lascia il suo pianeta grigio e triste, alla ricerca di nuove avventure e stimoli. Approda nel pianeta Terra e qui conosce la natura, i suoi colori e gli uomini, che nonostante le loro debolezze e i comportamenti tanto diversi dai suoi, gli insegnano qualcosa che non aveva mai fatto e nemmeno immaginato: sorridere. Da allora Gogòl viaggia in lungo e in largo attraverso il pianeta Terra con una missione: mantenere vivo il sorriso della gente e donarlo a chi l’ha perso. Ecco perché Gogòl, con la sua nobile missione, è approdato anche a Vita 21, un’Associazione che del sorriso ne ha fatto il suo punto di forza. L’omino del sorriso, da ieri sera, è in ottime mani, quel che è certo è che in mezzo a tutti quei sorrisi non perderà certamente il suo raggiante colore che lo rende unico.

Visite: 2443

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI